Morto in cantiere:compatibile con caduta

Polizia continua a sentire persone vicine alla coppia

(ANSA) – MILANO, 1 LUG – Le ferite che hanno causato la morte di Mauro Pamiro, l’insegnante e musicista de 44 anni, trovato morto l’altro ieri mattina in un cantiere edile a Crema a poca distanza dalla casa con cui viveva con ola moglie, sono compatibili con una caduta. Il foro che aveva in fronte non è stata causato da un colpo di pistola. Sono i punti fermi a cui è giunta l’autopsia eseguita ieri. Gli agenti della Squadra mobile e del Commissariato di Crema continuano a lavorare su tutte le ipotesi: dall’omicidio a, all’incidente fino al suicidio. Le ferite rilevate sul corpo danno conto di una caduta da svariati metri. La moglie, Debora Stella, rimane indagata per omicidio volontario per atto dovuto, appunto per svolgere l’autopsia. Davanti a inquirenti e investigatori si era avvalsa della facoltà di non rispondere in quanto in stato confusionale. Gli investigatori continuano a sentite persone vicine alla coppia e ad analizzare computer e telefoni cellulari trovati in casa.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.