Moschea di Cantù, la parola ora passa al Tar
Cronaca, Politica, Territorio

Moschea di Cantù, la parola ora passa al Tar

Il destino del capannone di via Milano, a Cantù, di proprietà dell’Associazione islamica Assalam, è nelle mani del Tar della Lombardia. Ieri si è svolta un’udienza pubblica al Tribunale amministrativo a Milano per decidere sulla contesa che vede da un lato il Comune di Cantù, che vuole vietare l’uso della struttura come luogo di culto, e dall’altro l’associazione culturale proprietaria dell’immobile, utilizzato anche per la preghiera.
Il Comune di Cantù ha firmato un’ordinanza che vietava l’utilizzo del capannone di via Milano, di proprietà dell’associazione Assalam, come moschea. Dopo che gli islamici hanno comunque pregato nell’immobile, l’amministrazione della Città del Mobile ha deciso di procedere per vie legali ed è arrivata la decisione di togliere la proprietà del capannone all’associazione per farlo diventare patrimonio del Comune. I vertici dell’associazione Assalam, assistiti dal legale Vincenzo Latorraca, hanno fatto ricorso al Tar contro tale decisione. Ieri l’udienza e nelle prossime settimane è attesa la decisione del Tar, dove sono in discussione anche altre richieste di associazioni islamiche lombarde legate alla possibilità di individuare spazi per la realizzazione di moschee e luoghi per la preghiera.

31 maggio 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
settembre: 2018
L M M G V S D
« Ago    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto