Mostra dell’Artigianato 2016: “Ripartiamo tornando alle origini”

Lariofiere

La qualità dell’artigianato lariano e brianzolo sotto i riflettori alla Mostra dell’Artigianato 2016. Un appuntamento tradizionale per Lariofiere, visto che è alla sua edizione numero 43.
Una manifestazione da sempre attesissima, che ha costantemente registrato numeri altissimi sul fronte dell’interesse e della partecipazione, sia in anni recenti (lo scorso anno i visitatori furono 43mila), sia quando la struttura di Erba si chiamava Elmepe.
Per il 2016 l’appuntamento è fissato dal 29 ottobre al 6 novembre. Oggi la presentazione ufficiale dell’evento. L’inaugurazione, il 29, con il presidente nazionale di Confartigianato, Giorgio Merletti,
«Con quest’edizione vogliamo ripartire, e ripartire vuol dire anche cambiare, mutare, crescere – ha spiegato Giovanni Ciceri, presidente di Lariofiere – Abbiamo deciso di tornare alle origini artigiane, così determinanti per un territorio come il nostro, puntando sulla genuina eccellenza del “saper fare” italiano».
Lariofiere per questo 2016 ha quindi scelto di privilegiare la produzione locale imperniata sulla qualità e sulla tradizione artigianale del territorio.
«Nel biennio a venire – ha aggiunto Giampiero Conti, neoeletto presidente del comitato organizzativo della Mostra dell’Artigianato – ci siamo ripromessi di continuare nel solco degli anni passati potenziando, promuovendo e sostenendo il valore artigiano. Quello che viene, e a ragione, identificato come il motore d’Europa deve rivelarsi in tutto il suo talento: noi vogliamo aiutarlo a sbocciare».
L’edizione 2016 si caratterizzerà anche per la vivacità delle iniziative collaterali che sono state programmate: tra queste un concorso fotografico, l’istituzione di “campo base” – consulenza per artigiani che intendono migliorarsi e incrementare la loro attività – e una sfilata di moda, fissata per il 31 ottobre.
Il percorso della mostra-esposizione sarà organizzato per aree tematiche, ciascuna dedicata a uno specifico comparto. Si parte con un intero padiglione a tema arredamento. Una seconda area celebrerà la moda e con essa l’abilità sartoriale e le competenze degli artigiani del settore. Verranno riconfermate l’area benessere e quella dedicata al food, con la valorizzazione del patrimonio enogastronomico italiano.
Massimo Moscardi

Articoli correlati