Mostrò il seno agli automobilisti. Condannata giovane lucciola

Lomazzo
Quella coda di veicoli, in un orario poco compatibile con i rallentamenti da traffico intenso, non era francamente spiegabile. Così le forze dell’ordine hanno voluto vederci chiaro per capire la causa dell’ingorgo. Nessun incidente, nessun semaforo fuori uso, semplicemente una prostituta romena, di appena 21 anni, che per attirare un maggior numero di clienti – ma anche l’attenzione di tutti gli altri automobilisti – mostrava bellamente il seno ad ogni auto in transito. Rallentando la circolazione e creando
 le conseguenti code.
La giovane è così stata denunciata e indagata con le accuse di «atti contrari alla pubblica decenza» e anche per aver rilasciato false indicazioni sulle proprie generalità. Teatro del curioso episodio, arrivato in queste ore nel palazzo di giustizia cittadino, è stato il paese di Lomazzo in via Leonardo da Vinci.
La ragazza, che nel maggio del 2010 – periodo cui fanno riferimento le contestazioni – aveva appena 19 anni, non si accontentò di attrarre l’attenzione degli automobilisti con vestiti succinti e provocanti, ma andò oltre. Ad ogni veicolo in transito alzava la maglietta – già di per sé con poca stoffa – mostrando il seno. Una scena che probabilmente sarebbe proseguita se non si fosse creata, proprio in corrispondenza di quella piazzola, una coda di auto in un orario insolito.
La vicenda, come detto, è poi approdata in un fascicolo in Procura ed è anche finita in Tribunale di fronte al giudice monocratico di Como, Carlo Cecchetti. Alla fine la giovane, rappresentata dall’avvocato Stefano Plenzick ma assente dall’aula, ha rimediato una condanna a 9 mesi e cinque giorni con la sospensione condizionale della pena.

Mauro Peverelli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.