Cronaca

Moto contro furgone a Cucciago. Muore 73enne di Cassina Rizzardi

L’incidente ieri mattina sulla strada che conduce a Fino Mornasco
Un pensionato di 73 anni che viaggiava in moto a Cucciago, sulla provinciale per Fino Mornasco, è morto sul colpo ieri dopo il terribile impatto con un furgone che procedeva in direzione opposta. Lo schianto è avvenuto pochi minuti prima delle 10. La dinamica dell’incidente è ancora al vaglio dei carabinieri della compagnia di Cantù. Giuseppe Serafino Corbetta, pensionato residente a Cassina Rizzardi, viaggiava in sella alla sua Vespa e stava percorrendo la strada che da Cucciago porta a Fino Mornasco. Lo schianto è avvenuto mentre il centauro
stava affrontando i curvoni che precedono il ponte sulla ferrovia.
Proprio all’altezza di una delle curve, per cause ancora in fase di accertamento, la due ruote di Corbetta si è scontrata in modo pressoché frontale con un Fiorino condotto da un uomo residente nella zona. L’impatto è stato violentissimo. Il pensionato è stato sbalzato dalla moto e nella caduta ha riportato traumi e ferite gravissime. Il 73enne è morto praticamente sul colpo.
Immediati, ma purtroppo vani, i soccorsi. Oltre a un’ambulanza della Croce Rossa, a Cucciago è intervenuto anche l’elicottero del 118. Per Corbetta, però, non c’è stato nulla da fare. In stato di shock ma illeso, invece, il conducente del furgone.
A Cucciago sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Cantù, che hanno effettuato i rilievi. Difficile però chiarire esattamente come si sia verificato lo schianto, avvenuto nel mezzo della carreggiata, come detto all’altezza di una curva.
Il corpo di Giuseppe Serafino Corbetta è stato trasferito all’obitorio dell’ospedale Sant’Anna, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Il magistrato di turno in Procura a Como, informato dell’incidente, come da prassi ha aperto un fascicolo per omicidio colposo e in queste ore potrebbe disporre l’autopsia sul corpo dello sfortunato centauro.
Pesanti le ripercussioni sulla viabilità. La strada, già abitualmente trafficata, è rimasta a lungo bloccata per consentire le operazioni di soccorso e in seguito i rilievi dei carabinieri. Solo dopo mezzogiorno, oltre due ore dopo il tragico schianto, la situazione è lentamente tornata alla normalità.
La notizia della morte del pensionato è stata accolta con grande sgomento a Cassina Rizzardi, dove viveva. La data dell’estremo addio potrà essere stabilita solo nelle prossime ore, dopo la decisione sull’eventuale esame autoptico.
Dall’inizio dell’anno, sulle strade del territorio comasco si sono già registrati ben 14 incidenti mortali con altrettante vittime. Tra le persone decedute, 5 erano motociclisti. Il più giovane tra i centauri che hanno perso la vita è un ragazzo di soli 19 anni, morto per le ferite riportate nello schianto contro un camion a Tavernerio, sulla Briantea, il 4 maggio scorso. Solo pochi giorni prima, un coetaneo aveva perso la vita in uno schianto frontale in auto sulla Regina, tra Porlezza e Valsolda. Ed è di pochi giorni fa, infine, il dramma della piccola Emma, morta a soli due mesi di vita per le conseguenze di un incidente avvenuto a Lentate sul Seveso, sulla superstrada Milano-Meda.

Anna Campaniello

Nella foto:
Oltre a un’ambulanza, a Cucciago è intervenuto anche l’elicottero del 118. Purtroppo, per il 73enne, non c’è stato nulla da fare
27 Maggio 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto