Mozart nella Chiesa Evangelica di Lugano

foto Duo Schiavo-Marchegiani4

Il Mozart che non t’aspetti, quello raro delle sonate per pianoforte a quattro mani, è il protagonista del concerto di Musica in Chiesa in programma domenica 25 ottobre alle ore 17 nella consueta sede della Chiesa Evangelica Riformata, situata tra il Parco Ciani e il Liceo I a Lugano.
A far conoscere al pubblico tre capolavori mozartiani, scritti in diversi periodi della vita, è lo straordinario duo pianistico, composto da Marco Schiavo e Sergio Marchegiani, che proprio quest’anno ha pubblicato un interessante CD per la prestigiosa Decca, con i Concerti per due pianoforti K. 242 e K. 365 di Mozart e il Concerto per pianoforte a 4 mani di Kozeluch, registrati a Londra con la Royal Philharmonic Orchestra diretta da Gudni A. Emilsson, un disco recensito con toni entusiastici dalla critica internazionale.
Il duo, nato nel 2006, ha tenuto centinaia di concerti nel mondo suonando nelle sale più prestigiose ed esibendosi con le maggiori orchestre. Molte sono le registrazioni radio televisive, realizzate tra l’altro in Italia, Repubblica Ceca, Germania e Russia, e tre i cd finora pubblicati: il primo, del 2014, dedicato a Franz Schubert, il secondo del 2018, con le Danze Ungheresi e i Valzer op. 39 di Johannes Brahms, e l’ultimo, appunto con i Concerti mozartiani, per il quale Pietro Rattalino ha parlato di trilli «sempre frementi, sempre misurati col contagocce come se ci fossero di rinforzo alla strumentazione alcuni usignoli».
Il primo brano in programma è la Sonata in do maggiore K 19d, che Mozart scrisse all’età di nove anni mentre si trovava con il padre Leopold e la sorella Nannerl all’Hickford’s Great Room in Brewer Street a Londra. I due fratelli la eseguirono insieme, e Mozart fu tra i primi a scrivere per pianoforte a quattro mani, dopo Jommelli e Johann Christian Bach.
La Sonata in re maggiore K 381, invece, fu composta a Salisburgo a 16 anni, di ritorno dal secondo viaggio in Italia, ed è dedicata a Nannerl.
L’ultimo brano eseguito dal Duo Schiavo- Marchegiani è la Sonata in do maggiore K 521, capolavoro della maturità artistica di Amadeus, e composta il 29 maggio 1787, il giorno successivo alla morte del padre, per “la signorina sua sorella”. Esempio preclaro di Forma-Sonata, il lavoro alterna frasi melodiche a slanci virtuosistici che coinvolgono appieno i due esecutori.
Per assistere al concerto, è necessaria la prenotazione obbligatoria. Si può farlo scrivendo a: amic.lugano@bluewin.ch, oppure inviare un sms allo 079 449 24 90, indicando nome, cognome e numero di persone. Il costo del biglietto è di CHF 15.-, e per i soci dell’Associazione Musica in Chiesa 10 franchi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.