Multe per tutelare la pace di Clooney. L’ordinanza di Laglio fa il giro del mondo

George Clooney nella sua villa di Laglio George Clooney nella sua villa di Laglio

Una ordinanza di cui si parla in tutto il mondo, visto il personaggio – il divo di Hollywood George Clooney – a cui fa riferimento.
Mentre il sindaco di Laglio tende a minimizzare e parlare di un generico «provvedimento di sicurezza», la stampa nazionale e internazionale affronta la questione delle multe per chi staziona davanti alla casa dell’attore.
Si parla di multe fino a 500 euro per chi contravviene al divieto di navigare a meno di 100 metri dalla casa di Clooney. Stessa sanzione per chi dovesse stazionare davanti alla porta di Villa Oleandra, il buen ritiro lariano del divo americano.
La rivista “Elle”, nell’affrontare l’argomento, con un articolo a firma di Megan Friedman, esordisce con un plateale: «Se siete vicini di casa di George Clooney state attenti anche se dovete chiedergli dello zucchero. Potreste essere perseguiti dalla legge».
Poi sul sito Internet c’è una foto della dimora ritratta dal lago con una didascalia ironica. «Date un’occhiata alla casa perché ora non potrete più fotografarla da questa posizione. Sigh».
Il tema sta prendendo piede anche sui social network, dove non mancano anche comaschi irritati che invitano Clooney a «starsene a casa sua in America» se queste sono le condizioni della sua permanenza sul lago.
«Che ridere, succede solo da noi» ha commentato il cantautore Cristiano Malgioglio su Twitter.
Oltre che in Italia, Inghilterra e negli Stati Uniti, la vicenda è stata affrontata dai quotidiani e siti specializzati di tutto il mondo. Dando un’occhiata sul web, si trovano articoli in Costa Rica, Portogallo, Romania, per esempio.
Certo è che l’attesa è concentrata, oltre che sull’arrivo di Clooney e della moglie Amal Alamuddin, previsto entro pochi giorni, sulla festa di compleanno in programma il prossimo 6 maggio. I “rumors” dicono che tanti colleghi di Hollywood e personaggi importanti potrebbero arrivare nel paese sulle rive del Lago.
Del resto è già capitato in passato che l’attore invitasse suoi famosi colleghi a passare qualche giornata di relax sul Lario.
E da Laglio il sindaco Roberto Pozzi ha spiegato. «Abbiamo riproposto le ordinanze precedenti, la novità è che abbiamo adeguato le sanzioni in base al nuovo regolamento, appena approvato, della polizia municipale – ha chiarito il primo cittadino – il nostro obiettivo principale è garantire l’ordine pubblico e la sicurezza, evitando assembramenti pericolosi».
«Chiunque può avvicinarsi alla villa e scattare una fotoricordo, ci mancherebbe. Gli anni scorsi – ha aggiunto il sindaco – non abbiamo mai dovuto dare multe e speriamo di non doverlo fare neppure quest’anno».
Per ricapitolare l’ordinanza “via terra” impone il divieto di assembramento in prossimità dell’uscita dalle proprietà di George Clooney (per chi non rispetta questa regola le contravvenzioni vanno da 50 a 500 euro).
Via lago vige invece il divieto di stazionare nei 100 metri dalla costa davanti alla villa dell’attore. In questo caso i trasgressori potrebbero incorrere in sanzioni da 100 a 500 euro.
Massimo Moscardi

Articoli correlati