MURO È BELLO

muro1IL PARADOSSO: PER LA GIUSTIZIA NON DETURPAVA IL PAESAGGIO

Archiviate le accuse nei confronti del direttore dei lavori per le paratie, Antonio Viola, del responsabile del procedimento, Antonio Ferro, e dell’allora dirigente del settore Urbanistico della Provincia, Giuseppe Cosenza. Per i giudici comaschi il muro non deturpò il lungolago e l’ambiente circostante.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.