Musei e Biblioteca sempre più giovani con i laboratori

La promozione del patrimonio locale
È ai blocchi di partenza l’edizione 2011-12 di “Scuola Museo”, l’iniziativa che i Musei Civici di Como propongono ogni anno ai ragazzi – partendo dai giovanissimi della scuola primaria fino ad arrivare a quelli decisamente più grandi delle scuole superiori – per avvicinarli al mondo misterioso e affascinante della cultura.
«Un’offerta di primo livello, che pone Como ai primissimi posti in Italia in questo settore», ha commentato presentando l’iniziativa Sergio Gaddi, assessore

alla Cultura di Palazzo Cernezzi.
Ben 63 gli appuntamenti di quest’anno, divisi in sei grandi gruppi: “Laboratori”, “Mattinate in museo”, “Percorsi tematici”, “Percorsi guidati”, “Visite guidate” e “Visite sul territorio”.
«Un’offerta in continuo divenire, seguendo i gusti e le preferenze dei nostri giovani e giovanissimi amici», ha voluto sottolineare Isabella Nobile, conservatore del Museo.
Ai Musei Civici si affianca, per la prima volta la Biblioteca comunale, con nuovi e originali laboratori del manoscritto e del libro antico, pensati per guidare i giovani e giovanissimi alla scoperta di come sono fatti quegli oggetti così familiari ma, da un altro punto di vista, così misteriosi. Oltre a visite guidate e letture animate, in programma ci sono anche laboratori in cui i ragazzi, guidati dal team di Chiara Milani, coordinatrice del progetto, andranno alla ricerca delle risposte a domande quali “Com’è fatto un libro?”, “Perché è stato inventato?”, “Qual è l’alchimia tra creatività e tecnica necessaria per realizzarlo?”. Il primo appuntamento è in programma per oggi, dalle 10 alle 12, in Biblioteca comunale, con Daniela Martinez che guiderà i ragazzi alla scoperta del mondo misterioso di una biblioteca.

Franco Cavalleri

Nella foto:
Una sala della “sezione romana” del museo archeologico “Paolo Giovio” di Como

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.