Cultura e spettacoli

Nada e Piero Ciampi tra Milano e Chiasso

altA 34 anni dalla scomparsa di Piero Ciampi, “il poeta dato in prestito alla musica”, la sua opera è oggetto di riscoperta. L’incontro, organizzato venerdì 2 maggio, alle 21, per l’interno del cartellone di “Chiassoletteraria” al Cinema Teatro, è un viaggio tra biografia e opera che unisce ricordi ed estratti audio originali alla voce di Bobo Rondelli, straordinario cantautore che interpreta il repertorio di Ciampi dimenticando per una notte le belle canzoni del suo A Famous Local Singer.

/>A chiudere il magico cerchio labronico, troveremo poi Nada (in alto, nella foto) in concerto sabato 3 maggio, alle 21, al Magnolia di Milano.
Livornese come Ciampi e Rondelli, si può dire che la brava cantautrice sia cresciuta “a pane e Ciampi” molto più di quello che le cronache hanno saputo raccontare. Nada non è arrabbiata come lo era il suo verace concittadino; pur rimanendo artisticamente molto più sobria, ha mantenuto intatto lo spirito del grande poeta e cantante toscano.
Nel ’76, quando chiesero a Ciampi cosa gli mancasse per sentirsi davvero ricco, lui rispose così: «Tante cose: una frittata di cipolle, un bicchiere di vino, un caffè caldo e un taxi alla porta. Non ho mai avuto tutte queste cose insieme». Qualche anno fa, durante un’intervista al Corriere di Como prima di un concerto, Nada raccontò come i testi delle sue canzoni avessero sempre subito l’influenza dello sfortunato maestro, scomparso per malattia, a soli 46 anni, nel 1980. Nada arrivò addirittura ad affermare di avere una visione “ciampiana” del mondo, con lo stesso approccio linguistico, diretto ed essenziale, forse proprio tipico di quelle terre.
Insomma, per capire quel che Nada scrive e canta oggi, forse bisognerebbe conoscere anche ciò che Piero Ciampi scriveva e cantava ieri. Con Occupo poco spazio, l’ultimo disco di inediti pubblicato lo scorso marzo, Nada è tornata a essere amara e spigolosa come nei suoi dischi migliori.
Con oltre 10 milioni di album venduti e 40 anni esatti di attività, gli Spyro Gyra sono una band da record nel panorama della fusion. Fondata alla metà degli anni ’70 a Buffalo, la formazione è ancora guidata dal suo fondatore, Jay Beckenstein, che ha condiviso la direzione della band con il pianista Jeremy Wall fino alla fine degli anni ’80.
In seguito, pur fra molti cambi di formazione, ha saputo mantenere la coerenza di uno stile che amalgama elementi rhythm’n’blues ed etnici, pur lasciando spazio a improvvisazioni di matrice jazzistica. Uno dei dischi più celebri, proprio perché esemplifica al meglio le prerogative della band, resta Access All Areas, registrato dal vivo in Florida nel 1983, con classici del repertorio come Shaker Song e Morning Dance. Da riascoltare dal vivo, sabato 3 maggio, alle 21 e alle 23, ai classici doppi live del Blue Note di Milano.
Grande attesa a Cantù per il ritorno di James Maddock (foto sopra), cantautore inglese di base a New York, che sul palco del live club All’1&35circa era già stato ospite in compagnia della straordinaria chitarra e del mandolino di David Immerglück. In questa nuova occasione, mercoledì 7 maggio, alle 21, James porta a Cantù sia le canzoni dell’ottimo Sunrise on Avenue C, l’album con cui, dopo aver esordito nel 2000 con Songs from Stamford Hill, è tornato alla musica, sia quelle più recenti di Another Life e Wake Up and Dream.
Maddock è un grande interprete, dotato di una voce calda e molto espressiva, un artista sensibile al quale la vita, dietro una delle sue tante porte, ha riservato alcune brutte sorprese. Gli ci sono voluti anni per rivedere la luce, per esorcizzare il suo dolore con le sue belle canzoni. Un cantautore sincero che vale la pena scoprire, o riscoprire, su un palco che da 20 anni stupisce con le sue proposte di qualità.

1 maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto