Nasce il nuovo Como. Attesa la conferma di Banchini; Nicastro impegnato nel progetto sullo stadio

Calcio Bandiera tifosi Como

Il primo tassello è stato posto e lunedì sarà presentato ufficialmente. Da giovedì il Como 1907 ha un nuovo direttore sportivo, Carlalberto Ludi, giunto sul Lario dal Novara. Una scelta che ha di fatto sancito il divorzio da Ninni Corda.
Una mossa che era nell’aria, visto che pochi giorni prima dell’ufficializzazione, lo stesso Corda aveva dichiarato in una intervista ad un quotidiano sardo di non avere le caratteristiche adatte a lavorare in uno staff come quello che si sta costruendo sul Lario. Oltre a Ludi, infatti, la nuova società si avvale anche della collaborazione con Dennis Frank Wise, ex capitano del Chelsea che ha un rapporto di collaborazione e fiducia con la proprietà di Sent Entertainment Ltd. Wise dall’Inghilterra ha osservato i giocatori azzurri sul video, in una sorta di “Grande fratello” calcistico.
La società si sta muovendo su ogni fronte, oltre che su quello tecnico. Non è ad esempio da escludere un rientro nello staff sanitario del medico Alberto Giughello, che ha a lungo collaborato con il Como, ma che da qualche mese ha lasciato l’incarico.
Per quanto riguarda l’allenatore, è attesa la conferma di Marco Banchini. Tutti gli indizi portano a questa scelta, anche perché, probabilmente, con una conferma di Corda difficilmente l’allenatore della promozione in C sarebbe rimasto.
Con Corda lasceranno la società anche i suoi giocatori “fedelissimi”, Martino Borghese, Christian Anelli e Federico Gentile. L’ormai ex amministratore Roberto Felleca, commentando sui “social” una foto con i tre calciatori e Ninni Corda ha commentato: «Grande squadra, grande gruppo. Io non vi avrei lasciato andare, è un grande errore».
Lo stesso Felleca, che ha manifestato il suo interesse a proseguire nel mondo del calcio, in questi giorni è gettonato un po’ in tutta Italia come possibile acquirente di società in vendita. La pista Sambenedettese si è raffreddata, si continua a parlare di Torres e Reggiana e si è aggiunto il Rimini.
Massimo Nicastro, fino a qualche mese fa socio di Felleca nel Como 1907, continua invece la sua collaborazione con gli attuali dirigenti. Con Pierluigi Marzorati come consulente, l’ex presidente si sta muovendo sul discorso dello stadio. Il progetto che aveva portato avanti rimane sempre attuale e prevede il rifacimento degli spogliatoi, la creazione di una struttura commerciale per promuovere il marketing della squadra e la risistemazione completa delle palestre.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.