Natale 2016, il vescovo alla messa di mezzanotte: “Una luce nuova vince le tenebre del cuore”

E’ arrivato il 25 dicembre: la vigilia è stata caratterizzata dalla rincorsa agli acquisti last minute dei regali. Tanta folla in città e nei centri commerciali. Successo anche per l’arrivo del Babbo Natale della Città dei Balocchi, con centinaia di bambini che sono tornati   a casa con un regalo. A mezzanotte in un Duomo di Como tenuto sotto controllo dalle forze dell’ordine e gremito – molte persone non sono riuscite a sedersi –  la messa della Natività del Signore. Nella sua omelia il nuovo vescovo, monsignor  Oscar Cantoni, ha rilanciato un concetto caro a Papa Francesco: “No ai muri, sì ai ponti che uniscono”. Nessun riferimento particolare alla città.

Le sue parole testuali: “Una luce nuova, frutto della presenza tra noi del principe della pace, irrompe una volta ancora questa notte per noi. Una luce che brilla nell’oscurità e che vince le tenebre del cuore. Quelle che ci rendono incapaci di riconoscerci  e di accettarci come fratelli e sorelle, figli dello stesso Padre. La luce di Betlemme giunge tra noi per liberarci dalla chiusura in noi stessi, per scioglierci dalle catene del nostro egocentrismo. Il nato bambino a Betlemme è venuto perché noi imparassimo a vivere da figli, annullando le distanze che manteniamo facilmente gli uni dagli altri, dal momento che sappiamo costruire muri che ci dividono piuttosto che ponti che ci uniscono”

Articoli correlati