Natale illumina il Forte di Fuentes

Forte Fuentes Colico illuminato per Natale

Dopo 415 anni il Forte di Fuentes appare risplendere anchedi notte grazie a un impianto di illuminazione realizzato dal Museo della Guerra Bianca, in collaborazione con Seval, che lo rende visibile da lontano

Da alcuni giorni il Forte Fuentes è illuminato grazie all’intervento del Museo della Guerra Bianca.

L’iter autorizzativo è stato molto lungo, ma alla fine ilprogetto di illuminazione del forte spagnolo del 1603, definito dall’architetto Chiara Palombella, è arrivato al dunque. Si tratta di prove tecniche di illuminazione che saranno sottoposte a valutazione da parte della Soprintendenza ai Beni Archeologici. Il progetto prevede di lasciare sempre illuminato il forte così da attirare l’attenzione di chi transita lungo la Provinciale 72 e valorizzare uno dei patrimoni storici del territorio. «Ci sono voluti quasi due anni per completare tutto l’iter autorizzativo e realizzare i lavori –spiega Stefano Cassinelli direttore responsabile del Forte di proprietà della Provincia di Lecco – ma il risultato ci sembra davvero molto bello».

L’intervento rientra nel progetto di valorizzazione che il Museodella Guerra bianca sta portando avanti da diversi anni sul territorio e che interessa anche Forte Montecchio e la Mina di Verceia. Il primo passo è stato quello di portare la corrente elettrica al Fuentes che non ne era mai stato provvisto.Sono poi state posizionate 20 lampade a led in punti concordati con la Soprintendenza ai Beni Archeologici. «Oltre a valorizzare a livello panoramico il forte – conclude Cassinelli – l’aver portato l’energia elettrica offre la possibilità di organizzare altre attività turistiche e culturali. Nel grande piazzale d’armi si potranno fare concerti e spettacoli teatrali in una cornice di rara bellezza».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.