Cronaca

Nei condomini si rischia una “sovrattassa” per il ritiro

alt Il caso dei grandi agglomerati di case
Ma l’assessore Bruno Magatti ribadisce nuovamente: «I bidoni vanno lasciati a bordo strada»
(f.bar.) «Nessun mezzo di Aprica entrerà nei condomini per svuotare i bidoni e portare via la spazzatura. I rifiuti, come da contratto, vanno depositati a lato strada».
Con queste parole l’assessore all’Ambiente del Comune di Como, Bruno Magatti, interviene per chiarire alcune incomprensioni nate, nei giorni scorsi, tra i cittadini.
La convinzione era che per i grandi palazzi fosse necessario pagare, profumatamente, il servizio di ritiro rifiuti con i mezzi in ingresso all’interno

dello stabile. «Non è affatto previsto. Anche perché si allungherebbero troppo i tempi di ritiro. E la stessa società deve rispettare certe tabelle, anche per non incorrere in sanzioni», dice Magatti.
Rimane però un inconveniente per i grandi palazzi che finora avevano usufruito, gratuitamente, del servizio di ritiro rifiuti all’interno degli stabili.
Per i condomini che non riescono a organizzarsi con il portiere o con il personale delle pulizie, l’alternativa c’è ma è decisamente dispendiosa.
«Si può stipulare un contratto con Aprica o una società affiliata al costo di 4.400 euro all’anno – dice Rosaria Molteni, presidente comasca dell’Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari (Anaci) – Se c’è un cancello, però, bisogna anche applicare una pulsantiera digitale che permetta agli addetti di Aprica di entrare e questo ha un costo aggiuntivo di 300 euro».
Anche rinunciando al ritiro interno, però, i condomini potrebbero trovarsi di fronte ugualmente a un aumento dei costi.
«Visto che i bidoni non possono restare in strada per tutta la settimana – aggiunge Gabriele Tagliabue presidente comasco di Gesticond, libera associazione di amministratori condominiali – bisognerà affidare l’incarico della esposizione e del ritiro a qualcuno, ad esempio a chi si occupa delle pulizie nello stabile. Ovviamente, questo avrà un costo, in media di 70 euro al mese».
Molti inquilini, inoltre, temono di dover pagare anche per sostituire i bidoni in caso di rottura. Un’eventualità che, almeno teoricamente, dovrebbe essere scongiurata.
«Agli incontri ai quali ho partecipato – precisa Tagliabue – hanno detto che i bidoni verranno dati gratuitamente, anche per le sostituzioni. In ogni caso, i contenitori dovrebbero essere molto solidi e non dovrebbero rompersi», dice ancora Tagliabue.

Nella foto:
I mezzi di Aprica che dal prossimo 3 giugno raccoglieranno la spazzatura porta a porta in tutte le case di Como. L’obiettivo della città è di arrivare al 65% di differenziata
31 Mag 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto