Nei guai per i fucili lasciati in eredità dal padre

Intervento dei carabinieri di Gravedona
Costa caro, ad una 48enne di Gravedona, l’eredità lasciatale dal padre.
Perché per colpa di quei tre fucili tanto cari al genitore, ora è stata denunciata alla Procura della Repubblica per detenzione illegale di armi comuni da sparo e del relativo munizionamento.
La vicenda trae origine da una indagine dei carabinieri della stazione di Gravedona ed Uniti che, in questi giorni, hanno effettuato controlli finalizzati a verificare la regolarità della custodia delle armi da parte delle

persone che risultano esserne proprietarie. Ed è stata proprio questa attività a portare i militari a suonare al campanello della 48enne che ha ereditato dal proprio papà, deceduto addirittura una ventina di anni fa, due fucili ed una carabina completi di munizionamento.
Armi che all’epoca risultavano regolarmente detenute dal padre della donna. Tuttavia, in questo ultimo ventennio, la 48enne non ha mai provveduto a regolarizzare il possesso delle armi in questione.
Inevitabilmente a questo punto sono scattati la denuncia e pure il sequestro dei due fucili e della carabina.
I carabinieri della compagnia di Menaggio fanno intanto sapere che i controlli finalizzati alla verifica del possesso delle armi proseguiranno anche nei rimanenti comuni.

Mauro Peverelli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.