Nei guai per una telecamera in farmacia

Il caso –  Il titolare patteggia 9 mesi di pena, ma sostiene di aver agito allo scopo di difendersi dai ripetuti furti
Un’immagine finisce sul monitor del vicino bar a causa di un’interferenza
Patteggia 9 mesi di pena per «interferenze illecite nella vita privata». La vicenda riguarda un farmacista del Comasco, che aveva piazzato una telecamera nella stanza degli elettrocardiogrammi, dove si spogliavano clienti e dipendenti della farmacia. Per difendersi dai ripetuti furti, ha sostenuto. L’iniziativa è stata scoperta quando per un’interferenza è comparsa un’immagine nel monitor wi-fi di un vicino bar.
Leggi l’articolo di Peverelli in CRONACA

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.