Nel 1999 ha ricevuto un fegato nuovo: la battaglia sui pedali del “maggiorenne” Enrico
Sanità, Sport, Territorio

Nel 1999 ha ricevuto un fegato nuovo: la battaglia sui pedali del “maggiorenne” Enrico

A 75 anni diventa “maggiorenne” e si prepara a festeggiare il traguardo con un anno all’insegna delle sfide sportive, a partire il mese prossimo dalla Gran Fondo di New York. Enrico Dell’Acqua, comasco, nel 1999 ha avuto un fegato nuovo. «Noi trapiantati contiamo gli anni dall’operazione – spiega – perché è a tutti gli effetti una rinascita quando la strada sembrava segnata».

Ecco dunque che il 2017 è per il pensionato comasco l’anno della maggiore età. «Ho in programma eventi importanti – dice – Il 21 maggio sarò il primo trapiantato italiano a partecipare alla Gran Fondo di New York». Il fitto programma prevede poi il 26-27 maggio i Campionati Italiani Trapiantati a Bra (Cuneo), a giugno i mondiali dei trapiantati in Spagna, a luglio la Maratona de les Dolomites, la Gran Fondo di Londra e la partecipazione alla Innsbrück–Riva del Garda accanto a una persona speciale, Aldred Königsrener Aldred, il chirurgo che gli ha regalato la nuova vita. E questo è per restare ai prossimi mesi.

Ex dirigente d’azienda, oggi nonno e atleta, Dell’Acqua vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della donazione di organi. «Voglio dimostrare che anche chi subisce un trapianto può fare tutto ciò che vuole – dice – Nel 1999 mi avevano dato sei mesi di vita per un tumore al fegato. Diciotto anni dopo sto così bene da poter affrontare sfide sportive di alto livello». «Sono un testimone vivente di quanto sia importante la cultura della donazione degli organi – continua il comasco – I trapiantati che hanno già vinto la battaglia contro la morte e la malattia, possono ricordare agli altri le tantissime persone in attesa di un organo e far capire l’importanza di un gesto d’amore come la donazione di organi». Enrico Dell’Acqua pedala con questo obiettivo. «Appena posso salgo in sella e mi alleno per poter affrontare al meglio queste sfida e questa che considero una sorta di missione – dice – Ho avuto in dono una seconda vita, voglio dare il mio contributo perché anche tante altre persone in attesa di un trapianto possano avere la mia stessa opportunità. Ogni gara è un passo avanti in questa direzione».

Anna Campaniello

13 aprile 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
agosto: 2018
L M M G V S D
« Lug    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto