Nel 2014 scoperti 24 evasori totali. Recuperati oltre 135 milioni di euro. Scontrini, irregolarità nel 33% dei casi

altL’attività delle fiamme gialle
Le cifre illustrate ieri nel corso del 240esimo anniversario della finanza
Massima sobrietà nei festeggiamenti e un impegno infaticabile nel contrastare i traffici illeciti. È sicuramente questo il connubio che ha caratterizzato i festeggiamenti per il 240esimo anniversario della fondazione del corpo delle fiamme gialle. Ieri mattina, durante la celebrazione alla Casa del Fascio, il comandante provinciale Marco Pelliccia ha illustrato i risultati dei primi 5 mesi dell’anno. Nei primi 150 giorni del 2014 sono stati scoperti 24 evasori totali – uno ogni 6 giorni – che

hanno omesso di presentare le dichiarazioni annuali, occultando complessivamente 92 milioni di euro, evadendo l’Iva per circa 34 milioni.
Da gennaio a maggio, inoltre, sono state denunciate 13 persone per reati fiscali, principalmente per aver presentato al fisco una dichiarazione fraudolenta o infedele, per utilizzazione o emissione di fatture false o per aver distrutto o occultato documenti contabili.
L’attività ispettiva, tradotta nell’esecuzione di 284 ispezioni fiscali, ha consentito di recuperare oltre 135 milioni di euro non dichiarati, di accertare un’evasione dell’Iva per 51,7 milioni di euro e dell’Irap per oltre 5 milioni di euro.
Per quanto concerne il “lavoro sommerso”, sono invece state ispezionate e sono risultate irregolari 17 aziende. Scoperti 26 lavoratori irregolari, di questi 25 in nero.
Sono poi stati effettuati 1.411 controlli in materia di scontrini e ricevute fiscali, con la constatazione di 471 violazioni per la mancata emissione del documento (con un’incidenza del 33% sul totale dei controlli effettuati).
Per quanto riguarda la collaborazione con la Corte dei Conti della Lombardia sono stati eseguiti, in provincia di Como, 3 interventi e si sono accertati – sempre nei primi 5 mesi del 2014 – danni erariali per oltre 1,2 milioni di euro.
Altro fronte “caldo” per la guardia di finanza è poi stato il contrasto alla criminalità economica e organizzata. Sono infatti state sviluppate 72 segnalazioni di operazioni sospette con lo scopo di intercettare i flussi finanziari di provenienza illecita e sono stati effettuati i controlli nelle aree doganali. Lavoro che ha consentito di intercettare ai valichi di confine valuta per oltre 9,5 milioni di euro. Di questi sono stati sequestrati oltre 640mila euro, 327mila euro incassati quale oblazione, e contestate 512 infrazioni alla normativa valutaria.
Sempre nel periodo in esame, sono stati sequestrati circa 10 chili di oro in lingotti e 96 monete d’oro (Krugerrand del Sud Africa).
Infine, anche sul fronte delle indagini antidroga, ottimi risultati. Le operazioni messe in campo hanno portato alla verbalizzazione complessiva di 107 persone. Quarantotto denunciate a piede libero, 48 segnalate al prefetto e 11 in stato di arresto. Sono stati sequestrati 47 chilogrammi di sostanze stupefacenti tra hashish e marijuana e 5,2 chili di cocaina, nonché 2 automezzi utilizzati per trasportare gli stupefacenti. Nel campo della tutela della legalità dei mercati, nel settore del contrasto alla contraffazione dei marchi, della pirateria audiovisiva e della sicurezza dei prodotti, sono state denunciate 11 persone e sono stati sequestrati oltre 520mila tra capi e accessori d’abbigliamento e detersivi.
In materia di falsificazioni, sono state sequestrate, in collaborazione con la Banca d’Italia, 390 banconote irregolari per un valore complessivo di 20.415 euro. Tra queste, le più falsificate sono risultate quelle da 20 euro (128 pezzi), a seguire quelle da 100 euro (111 pezzi) e infine da 50 euro (103 pezzi). Infine sono stati svolti oltre 604 servizi di pattuglia. Le chiamate arrivate alla sala operativa “117” del comando sono state 40, in prevalenza per segnalare casi di evasione fiscale, mancata emissione di scontrini, ricevute fiscali e lavoro nero.

Fabrizio Barabesi

Nella foto:
Il comandante provinciale della guardia di finanza, Marco Pelliccia, ha illustrato i numeri relativi all’attività del Corpo

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.