Nel Mendrisiotto si torna a suonare dal vivo

Ensemble Borromini

Riprende l’attività di concerti aperti al pubblico dell’associazione Musica nel Mendrisiotto. Appuntamento domenica 7 giugno alle 10.30 nel Chiostro dei Serviti (presso il Museo d’Arte di Mendrisio, in caso di cattivo tempo annessa chiesa di San Giovanni), luogo ideale per accogliere un programma incentrato in larga parte su autori del periodo barocco.
Protagonista sarà l’Ensemble Borromini – orfano del clarinettista Fabio di Casola, infortunato – che interpreterà celebri pagine del Settecento quali “La Follia” di Arcangelo Corelli, l’Aria sulla quarta corda di Johann Sebastian Bach, il Prestissimo dalla Sonata in sol maggiore di Jean-Baptiste Barrière e varie opere di Antonio Vivaldi: il concerto per violoncello e archi in re minore RV 407 e il concerto per due violoncelli e archi in sol minore RV 531 con solisti Milo Ferrazzini e Claude Hauri e il concerto per archi in do maggiore RV 110. Del compositore norvegese Johann Halvorsen verrà proposta la celebre Passacaglia e non mancherà una breve opera per due violoncelli scritta dal compositore ticinese Luigi Quadranti nei primi mesi del 2020 e proposta in prima assoluta.
L’ensemble Borromini, che si prefigge di coinvolgere giovani musicisti di grande talento accanto ad altri attivi quali concertisti, sarà composto per l’occasione da Barbara Ciannamea e Tea Vitali, violino, Ambra Albek, viola, Milo Ferrazzini e Claude Hauri, violoncello e Corrado Greco, clavicembalo. Prenotazione dei posti obbligatoria tramite mail a musicamendrisiotto@ticino.com o telefonando allo 004191.646.66.50 o al numero 004176.679.15.25.
È necessario indicare il nome, il numero di persone e il recapito telefonico. I posti sono limitati, garantendo le distanze prescritte dall’emergenza sanitaria.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.