Como, nel nuovo regolamento di polizia divieti espliciti

Ex chiesa di San Francesco

Solidarietà contro repressione. Pugno di ferro contro politiche di accoglienza. Il dibattito sul degrado nei centri storici e nei grandi agglomerati urbani, ormai da anni, si svolge lungo un doppio binario. Come se le possibili risposte fosse comunque obbligate. Quasi certamente non è così. Ma succede. E anche a Como – in un passato molto recente – si è assistito a una discussione dai toni forti sulle scelte da fare per limitare (quando non cancellare del tutto) la presenza di senzatetto o persone in difficoltà nelle strade e nei luoghi pubblici. Non si è ancora spenta l’eco della polemica esplosa nel dicembre del 2017 quando, a seguito di un’ordinanza firmata dal sindaco Mario Landriscina, la polizia locale allontanò i volontari del “gruppo colazioni” della Caritas che da sette anni portavano latte caldo e biscotti, al mattino, ai disperati che trovavano rifugio sotto i portici della chiesa sconsacrata di San Francesco.
All’epoca Landriscina parlò di un «malinteso», si difese dicendo che l’ordinanza era stata modulata sulle disposizioni del decreto Minniti e promise di incontrare tutte le associazioni di volontariato operanti sul territorio: «Non voglio passare per il sindaco più cattivo d’Italia, perché non sono così», disse lo stesso Landriscina.
Ma pochi mesi fa, in consiglio comunale, è andata in scena un’altra battaglia tra “rigoristi” e “aperturisti”, tra fautori dell’ordine a tutti i costi e sostenitori di politiche più solidali.
Lo scontro si è acceso sul nuovo regolamento di polizia locale, passato alla fine con i voti della Lista Rapinese ma senza quelli di Forza Italia.
Un regolamento che entrerà in vigore tra qualche giorno, a tre mesi cioè dalla sua approvazione.
A proposito d quanto è stato denunciato dai commercianti del Mercato coperto e della situazione difficile che si è venuta a creare nuovamente sotto i portici di San Francesco, il nuovo regolamento è chiaro.
L’articolo 4.9 vieta «l’accattonaggio molesto». L’articolo 8.1, lettera f, vieta di «lordare, anche espletando bisogni fisiologici o espettorando a cielo aperto, gli arredi urbani e gli spazi pubblici, utilizzarli in modo improprio, dormire o accamparsi vicino a monumenti o sui gradini di accesso degli edifici prospicienti la pubblica via, sdraiarsi sul suolo pubblico ad eccezione dei parchi pubblici e delle spiagge» (curiosamente, le stesse norme sono poi ribadite all’articolo 10.5, lettere a, c ed e).
Non è invece chiaro come possa intervenire la polizia locale. Nel regolamento si parla soltanto delle sanzioni con un richiamo al Testo unico degli enti locali: da 25 a 500 euro di multa per i trasgressori, che la giunta comunale può decidere di ridurre. Tanto rumore per nulla, forse. Ma questo si potrà scoprire soltanto tra qualche giorno.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.