Nel segno di Fauré la nuova “Via Lattea” ticinese

Jean Philippe Collard

Sarà Jean-Philippe Collard, uno dei massimi specialisti del compositore Gabriel Fauré, ticinese di adozione, ad aprire il cammino del festival multimediale “La Via Lattea” venerdì 28 agosto alle 17 (e in replica alle 19.30) con l’esecuzione integrale delle tredici Barcarolles, rara occasione per ascoltare alcune perle della sua produzione pianistica nella cornice ideale del Museo Vincenzo Vela di Ligornetto in occasione del bicentenario della nascita del grande scultore ticinese. Dalle statue di Vela alla statua settecentesca del Berger flûteur di Antoine Coysevox nel parco del Campus di Trevano: è qui che La Via Lattea si trasferirà sabato 12 settembre (in replica domenica 13) dalle 15 alle 22 per lo svolgersi del Primo Movimento. Si tratta dell’area dove un tempo sorse il Castello di Trevano, il mitico “Château de la musique” che ospitò anche Fauré e la sua musica.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.