Nella casa sfitta trovano due clandestini residenti

. .

La casa era ormai sfitta da anni. Era stata l’abitazione della madre morta tempo fa. Da allora era rimasta chiusa, e non più riutilizzata dalla figlia e proprietaria, una signora residente a Rovello Porro.
Ma i vicini di casa hanno cominciato a notare movimenti strani e rumori attorno a quella dimora e hanno deciso di avvisarla. Così la donna si è recata sul posto trovando effettivamente la serratura forzata. Il passo successivo è stato segnalare il tutto ai carabinieri della stazione di Turate che sono intervenuti a Rovello Porro, facendo irruzione nell’appartamento e hanno trovato due tunisini clandestini ed in Italia senza fissa dimora, che non si sa da quanto tempo avevano iniziato ad abitare in quella dimora improvvisata.
I due, di 25 e 28 anni, sono stati arrestati con l’accusa di violazione di domicilio e ieri mattina sono stati condotti in Tribunale a Como per il “direttissimo”. Il giudice ha convalidato l’arresto e li ha poi scarcerati. Nel frattempo i due tunisini avevano chiesto i termini a difesa e i prossimi giorni torneranno in aula per essere giudicati.
M.Pv.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.