Nell’antico convitto di via Zezio nasce il polo universitario del futuro

Entro la primavera 2012 i lavori nella sede della “Presentazione”
Biblioteca, palestra, stanza riunioni, sala musica e 170 posti letto: entro la primavera 2012 partiranno i lavori per un mini-campus in centro città. La sede della fondazione comunale “La Presentazione” di via Zezio 58, che fino all’anno scorso ospitava un convitto per donne bisognose, a breve verrà ristrutturata e riconvertita in un polo di servizi universitari del Politecnico di Milano, la cui sede comasca attrae – grazie alle lauree specialistiche in inglese – centinaia di studenti stranieri. Studenti che, entro la fine del 2014, avranno a disposizione uno studentato nuovo di zecca.
«Il Politecnico – spiega Franco Giorcelli, presidente de “La Presentazione” – avrà in uso la struttura per 30 anni. Grazie a questa operazione, riusciamo a ristrutturare e utilizzare un complesso di grande pregio senza spendere un euro di soldi comunali».
Il finanziamento dell’opera, che costerà a conti fatti circa 12 milioni, è in gran parte coperto dal ministero dell’Istruzione. Il Politecnico ha ottenuto da Roma, tramite un bando sull’edilizia scolastica, un contributo di 6,5 milioni. Cifra che potrebbe salire quasi fino a 10, nel caso in cui una seconda richiesta di finanziamento – sempre attraverso un bando – andasse a buon fine.
«Possiamo dire – aggiunge Giorcelli – che in questo caso l’iter è in discesa, grazie all’impegno di tutti i soggetti coinvolti: noi, il sindaco e il Politecnico, nella persona del professor Pierluigi Della Vigna». Da questa operazione, la città guadagnerà due opere pubbliche: un giardino da 3mila metri quadrati, che verrà aperto al pubblico, e un autosilo interrato da 150 posti auto, parte dei quali verranno messi a disposizione dei cittadini a rotazione. «Entro fine anno consegneremo la struttura al Politecnico – conclude Giorcelli – le autorizzazioni sono già pronte, credo che in primavera potrà partire il cantiere. I lavori dovranno essere conclusi entro 30 mesi dall’inizio».
«Abbiamo studiato un restauro conservativo, dato lo stile neoclassico dell’edificio – spiega l’architetto Antonella Crippa, al quale il Politecnico ha affidato la progettazione – Il collegio avrà dai 150 ai 170 posti letto, suddivisi in stanze doppie e singole con bagno. Un’ampia porzione della struttura (che in totale supera i 6mila metri quadrati, ndr) verrà dedicata agli spazi comuni: biblioteca, palestra, aula riunioni, cucine comuni, sala musica». «Con la preselezione sono state scelte le imprese che possono avanzare un’offerta, presumibilmente entro dicembre – conclude Pierluigi Della Vigna, il docente del Politecnico che dal 2007 ad oggi ha seguito questa iniziativa – La sede comasca del Politecnico ha una quota molto elevata di iscritti stranieri, soprattutto nelle lauree specialistiche. Offriremo un servizio sempre più adeguato».

Andrea Bambace

Nella foto:
L’imponente e lunghissima facciata dell’edificio che ora ospita lo storico convitto chiamato “La Presentazione” (Fkd)

Articoli correlati

1 Commento

  • Avatar
    Paola Tibiletti , 30 Aprile 2018 @ 1:06

    Accettano al nuovo convitto docenti di altre città ad esempio per un periodo di 15 giorni??? A prezzi contenuti??
    Io venivo alla casa presentazione diversi anni fa quando ero chiamata per fare gli esami di maturità.
    Chiedo se e possibile tornare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.