Nessi: «Cimiteri, situazione insostenibile»

Cimitero Monumentale di Como

Cimiteri cittadini: Svolta Civica Como, movimento di minoranza a Palazzo Cernezzi, denuncia: «La situazione è insostenibile e rischia di far perdere la memoria e l’anima della città». Non si parla di degrado, tema ricorrente a Como, ma si invoca chiarezza sulla gestione. Il consigliere Vittorio Nessi ha chiesto al sindaco di Como Mario Landriscina di sapere, per ogni cimitero, quali siano «il numero delle tombe di famiglia, il numero delle concessioni scadute, il numero delle tombe di famiglia in regime di intangibilità per le quali non è intervenuta la richiesta di rinnovo della concessione e il numero dei rinnovi di concessioni accolti dal Comune dall’aprile 2017». Il rischio per Svolta Civica è «l’abbandono delle tombe di famiglia», conseguenza di una cattiva gestione tra 1972 e 2017. Da allora i cittadini interessati al rinnovo delle tombe di famiglia, denuncia Svolta Civica, devono pagare, in occasione della tumulazione di un defunto, l’intero corrispettivo pur potendo usufruire, per il futuro, di un numero di anni di molto inferiore ai 50 previsti. «Potrebbe addirittura verificarsi il caso estremo di una concessione scaduta nel 1973 per la quale il concessionario dovrebbe pagare oggi importi considerevoli per due anni residui di effettiva utilizzazione salvo poi dover versare l’ulteriore somma per i successivi 50 anni» dice Nessi.
E la conseguenza è «l’abbandono delle tombe di famiglia, per le quali diminuiscono le richieste di rinnovi delle concessioni. A ciò si somma la questione dell’intangibilità delle salme per l’ulteriore termine di 50 anni dall’ultima tumulazione che, praticamente, blocca qualsiasi possibilità di rotazione del sepolcro». A tal proposito Nessi chiede anche «di escludere dal regime di intangibilità le urne contenenti ceneri e di limitare il periodo di intangibilità a vent’anni».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.