Nessuna aggressione per la donna del Baradello

Il dramma di lunedì – Esclusi rilievi penali: la vittima deceduta per il freddo
Nessuna segnalazione penalmente rilevante. Quindi, la vicenda è sostanzialmente chiusa e verrà sancita dal nulla osta per il funerale che sarà firmato in queste ore.
Si è conclusa così la storia della donna di origine moldava trovata morta dal figlio, nel pomeriggio di lunedì, su un sentiero alle pendici del Baradello. L’epilogo è giunto dopo l’autopsia della vittima effettuata dall’anatomopatologo dell’ospedale Sant’Anna Giovanni Scola. Il pubblico ministero che indagava sulla
vicenda, Simona De Salvo, aveva chiesto di comunicare eventuali rilievi penali in merito all’esame del corpo della 49enne Maria Buza. Segnalazioni che non sono giunte e che dunque fanno decadere definitivamente una pista a cui per la verità sia la Questura di Como, sia la Procura stessa non avevano mai creduto: quella dell’aggressione. A destare qualche sospetto era stato un segno sulla nuca della vittima, lesione tuttavia compatibile anche con una caduta al suolo in seguito ad un malore per il freddo oppure ad una scivolata. Insomma, sulle pendici del Baradello si è consumata una tragedia della disperazione, con la donna che cercava rifugio dal freddo e che ha finito proprio con il morire assiderata. Non sembra infatti che, da sola, quella lesione alla testa possa essere stata fatale. Il responso sull’esito definitivo dell’autopsia verrà comunque comunicato in Procura entro 60 giorni dallo stesso anatomopatologo del Sant’Anna. A trovare la donna ormai morta da ore era stato nel pomeriggio di lunedì il figlio, giunto dalla città di Parma dove risiede per cercare la madre che non dava più segni di vita. Una ricerca disperata, condotta chiedendo informazioni in un intero quartiere, e conclusa intorno alle 16 quando nei pressi di un muro e sotto a un arbusto sempreverde il giovane moldavo ha trovato il corpo della mamma.

Mauro Peverelli

Nella foto:
Il figlio della donna morta sulle pendici del Baradello depone un mazzo di fiori nel luogo del ritrovamento

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.