Nessuno stop da Palazzo Cernezzi: «Chiusura totale verso gli esercenti»

altIl presidente di Confesercenti

(f.bar.) Tre Comuni stanno lottando contro Ica. Le associazioni di categoria locali e le amministrazioni si stanno battendo, con successo, per ottenere la sospensione dei termini di pagamento per le multe ai commercianti. Ma il primo cittadino di Como, Mario Lucini, durante l’ultima puntata di “Etg+ sindaco”, la diretta in onda su Etv, ha ribadito come non sia intenzione di Palazzo Cernezzi fare marcia indietro. Nessuna novità positiva dunque all’orizzonte per gli esercenti comaschi.
«Uno

stop danneggerebbe i commercianti stessi», ha detto il sindaco martedì sera su Etv.
Nonostante gli esempi contrari di Spoleto, Badia Polesine e Savona, in riva al lago non si ipotizza alcuna modifica. Sempre più critico, dopo queste ultime novità, il presidente di Confesercenti Como, Claudio Casartelli. «È una vera e propria chiusura totale nei nostri confronti. Tutto ciò appare francamente ingiustificato. Noi, insieme a Confcommercio, avevamo chiesto di poter almeno ottenere una proroga per chi ha fatto ricorso. Non abbiamo ricevuto neanche una risposta – sbotta Casartelli – Eppure esempi contrari, come quelli dei Comuni citati, dimostrano come sia possibile confrontarsi».
Ma c’è anche un altro episodio che viene apertamente condannato. «Alcuni associati mi hanno detto come gli addetti di Ica li abbiano invitati a pagare le sanzioni salvo poi promettere il rimborso delle somme qualora emergessero anomalie. Mi sembra francamente un atteggiamento poco serio», aggiunge il presidente.
«Purtroppo l’atteggiamento del Comune è da subito stato di opposizione praticamente su tutto. Ad esempio, si chiedeva che Palazzo Cernezzi fosse più attento nell’applicare i regolamenti di Ica. Ma si richiedeva anche una maggiore disponibilità nell’ascoltare le voci dei commercianti. Atteggiamento che sarebbe stato molto gradito», conclude il presidente di Confesercenti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.