Netanyahu, da Cpi giorno nero per verità

Premier

(ANSAmed) – TEL AVIV, 20 DIC – La decisione del procuratore della Corte Penale Internazionale (Cpi), Fatou Bensouda, è "un giorno nero per la verità e la giustizia". Lo ha detto il premier israeliano Benyamin Netanyahu, secondo cui è "una decisione senza basi e oltraggiosa". Una mossa che "ignora la storia e la verità quando sostiene che l’atto stesso che gli ebrei vivano nella loro patria ancestrale, la terra della Bibbia, sia un crimine di guerra". Netanyahu ha ribadito che "la Palestina non è mai stata uno Stato". "Non rimarremo in silenzio", ha concluso.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.