Cultura e spettacoli

Nick Cave & The Bad Seeds, il ritorno

altI live da non perdere

«Se dovessi usare la metafora logora degli album che sono come figli – spiega Nick Cave nella nota di presentazione del suo recente lavoro – allora Push The Sky Away sarebbe il bimbo-fantasma in incubatrice e i loop di Warren Ellis il suo debole e tremante battito cardiaco».
E se è vero che questo disco, diversamente dai precedenti, ha incontrato anche il gusto dei suoi due figli gemelli, come ha dichiarato sornione lo stesso Nick, potremmo considerare persino chiuso il cerchio magico della

sua musica. Un cerchio che, ancora una volta, ha fatto prigioniera sua moglie, musa e vittima delle canzoni del compagno Nick Cave: perché un conto è ispirare le sue liriche e un altro spostare il loro talamo nuziale su un palco.
Ma sposando Nick, Susie sapeva che sarebbe finita con un patto diabolico. E finché tra i due funziona e l’australiano (confinato a Brighton) produce dischi come questo, nessuno si lamenta. Sono passati cinque anni da Dig!!! Lazarus Dig!!! ed è chiaro che le redini, anche quando i Bad Seeds sferzano Nick Cave, sono tornate nelle sue mani, in un gioco della parti che trova il giusto equilibrio tra le languide morbidezze di un capolavoro come No More Shall We Part e i recenti morsi dei Grinderman. Una giostra sonora dalla quale, soprattutto dal vivo, giovedì 28, alle 21, all’Alcatraz di Milano, non si vorrebbe mai scendere.
Era il gennaio del 2003 quando Petra Magoni e Ferruccio Spinetti si incontravano per la prima volta su un palco. Da allora i due artisti non si sono più lasciati e hanno portato il progetto “Musica Nuda”, che incrocia la voce strepitosa di Petra al funambolico contrabbasso di Ferruccio, in giro per il mondo. Le loro canzoni, frutto della splendida complicità di due musicisti straordinariamente sinceri, hanno dato vita a sei raffinati nudi d’autore interpretati con classe ed emozione. Come settimo sigillo, per celebrare questi primi 10 anni, Magoni e Spinetti hanno pensato di mettersi in ghingheri, di vestire a festa le loro canzoni con l’album Banda Larga dove, per la prima volta, il duo è accompagnato da un’intera orchestra da camera diretta da Daniele Di Gregorio.
Lo stesso virtuoso musicista, polistrumentista e collaboratore di Paolo Conte da molti anni, che ha lavorato anche agli arrangiamenti delle canzoni, è riuscito a cucire intorno alla voce di Petra e al contrabbasso di Ferruccio un sontuoso abito da cerimonia. Dal vivo, al Bloom di Mezzago, venerdì 29, alle 21.
Il cantante e compositore svedese Kristian Matsson, alias “The Tallest Man on Earth”, è in tour in Italia.
Mercoledì 4 dicembre, alle 21, al Circolo Magnolia di Milano, presenterà dal vivo There’s No Leaving Now, il terzo splendido album della sua carriera pubblicato la scorsa estate. Anche in questo caso ci troviamo di fronte a una composizione dettagliata e accattivante come nel caso di The Wild Hunt, il suo precedente lavoro del 2010 all’interno del quale è racchiuso il capolavoro Love is All.
Questa volta, però, l’artista nordico ha deciso di giocare nuove carte sul suo personalissimo spartito: se le onde sonore di The Tallest Man on Earth sono tradizionalmente incentrate sul potere della performance, in questo caso il musicista ha voluto aggiungere nuovi arrangiamenti alle canzoni rivelando un carattere diverso, dando quel tocco in più che mancava alle precedenti registrazioni.
Questo disco consolida l’inizio di un incredibile viaggio raccontato attraverso storie di speranza e di sconfitta, di perdita e di amore.

28 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto