Nizza: la madre, ‘Brahim pregava da due anni’

'Ma prima beveva e si drogava. Poi è diventato introverso'

(ANSA) – IL CAIRO, 30 OTT – Faceva la preghiera islamica da due anni e mezzo ed era chiuso e introverso Brahim Issaoui, l’attentatore della cattedrale di Nizza. Lo ha riferito la madre. "Non usciva e non comunicava con gli altri", ha ricordato la donna in linea con suoi parenti, i quali hanno riferito che il giovane si era rivolto alla religione e isolato negli ultimi anni. "Sono circa due anni e mezzo che fa la preghiera. Andava da casa al lavoro, non usciva e non si mischiava con altri", ha riferito la donna. Prima "beveva alcol e consumava droga. Gli dicevo ‘siamo nel bisogno e tu sprechi il denaro?’ Lui rispondeva ‘Se Dio vuole, Lui mi indirizzerà verso la strada giusta’", ha aggiunto. Secondo il fratello, Brahim aveva già tentato invano la traversata verso l’Italia e non aveva avvisato i parenti di questa nuova partenza. "Dopo aver abbandonato il liceo, ha lavorato nella riparazione delle moto", ha raccontato ancora la madre. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.