Cronaca

«No al taglio dei parcheggi. E chiediamo più informazioni»

Viabilità e sosta in città
Commercianti di via Varesina preoccupati per le scelte di Palazzo Cernezzi
(f.bar.) Clima cupo, ieri mattina, in via Varesina. Non tanto per le condizioni meteo, certamente non primaverili, quanto per le notizie preoccupanti, seppur ancora frammentarie, sul futuro dei parcheggi.
In particolare sul destino di quegli ultimi esemplari di posti auto gratuiti che costeggiano via Varesina dall’incrocio con via Lissi fino all’imbocco di via Badone. La maggior parte dei commercianti è infatti sul piede di guerra. Prevale ancora l’incertezza sul reale destino degli stalli, ma parallelamente cresce la paura per una rivoluzione viabilistica potenzialmente dannosa.
Tutto nasce dal progetto di ridisegno del quartiere. In questa zona di Como, infatti, sono in programma lavori per sette milioni di euro. Interventi finanziati da Esselunga che aprirà un centro commerciale nell’area ex Trevitex. E in questo ampio piano di riqualificazione rientrerebbe – per conciliare le esigenze derivanti dal nuovo assetto viario – anche la soppressione di gran parte di questi 50 posti auto. Di ciò si è discusso anche durante un recente incontro tra l’assessore comunale all’Urbanistica, Lorenzo Spallino, e alcuni esercenti della zona.
«Non posso che essere contraria – dice Chiara Ascione, commerciante della via – Già, complice la crisi, non si naviga in buone acque. Se in più ci tolgono questi pochi parcheggi utilizzati dai nostri clienti o da chi, passando, decide di fermarsi, la situazione non può che peggiorare». Una delle lamentele più frequente è anche la mancanza di comunicazione, se non a cose fatte, tra l’amministrazione e la cittadinanza. «Inoltre già adesso non sempre è facile trovare un posto libero – aggiunge Ascione – Figurasi se dovessero ridurre ulteriormente la disponibilità».
Stando alle ultime notizie, dovrebbero comunque rimanere una decina di posti, compresi due per il carico e scarico merci. «Quindi, ne rimarrebbero soltanto 8 a disposizione dei clienti – spiega Maurizio Malinverno, commerciante – La situazione è molto confusa. Attendiamo innanzitutto di vedere un progetto definitivo. Di capire quanti saranno i parcheggi superstiti, se saranno a pagamento o gratuiti. Insomma, dobbiamo necessariamente avere ulteriori notizie. Speriamo di non essere messi al corrente di tutto a lavori fatti».
Dubbi anche sul progetto in sè di riqualificazione che dovrebbe portare anche a un ridisegno dei marciapiedi – che verrebbero rifatti e allargati – e alla realizzazione di alcuni punti dove sostare con le panchine. «Mi domando chi mai potrebbe avere il desiderio di sedersi a contemplare lo scorrere di auto e camion sulla Varesina», aggiunge Maurizio Malinverno.
All’incontro con l’assessore Spallino ha partecipato invece Marco Malinverno. «L’assessore Spallino – sottolinea – ci ha spiegato che vorrebbe tenere una quindicina di posteggi a rotazione. Sembra difficile conciliare gli interventi di messa in sicurezza e riqualificazione con il mantenimento di alcuni posteggi, ma ci hanno assicurato che sarà così».
Non tutti, però, sono contrari. «Mettere anche pochi posteggi a pagamento aiuterebbe la rotazione – dice Roberto Citterio – Qui infatti c’è chi lascia l’auto tutto il giorno nei parcheggi bianchi con disco orario, senza rispettare l’ora di sosta. Io sono favorevole alle modifiche, anche perché dovrebbero essere riaperti i posteggi privati in via Giustizia e Libertà con tariffe gestite dal Comune».

Nella foto:
Rischiano di sparire o, almeno, di venire ridotti i posti auto oggi disponibili in via Varesina (Mv)
8 Mag 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto