No alla chiusura degli asili parrocchiali

CRISI ECONOMICA E NUOVE TASSE
Ho letto nei giorni scorsi sul “Corriere di Como” l’allarme lanciato dall’economo della Curia di Como, don Marco Mangiacasale, relativo al rischio chiusura per le scuole materne parrocchiali, già alle prese con gravi difficoltà economiche alle quali ora potrebbe aggiungersi anche il pagamento della tassa sugli immobili.
È un’occasione per tornare a denunciare il grave disinteresse delle istituzioni verso le scuole dell’infanzia paritarie, strutture che in molti casi sopperiscono alla mancanza di posti delle scuole comunali e statali.
La legge impone che la scuola dell’infanzia sia gratuita per tutti i bambini ma la normativa in molti casi non è rispettata nel silenzio e nell’indifferenza generale, naturalmente a partire dagli stessi politici. Come ha detto bene don Mangiacasale, se gli asili parrocchiali dovessero chiudere i Comuni sarebbero in molti casi in gravissima difficoltà.
L’auspicio è che questa possa essere l’occasione per un intervento serio per garantire la parità e il diritto di tutti i bambini di usufruire del servizio.
Edoardo Viganò (Cantù)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.