No svizzero all’innalzamento dell’età pensionabile. Ticino in controtendenza
Economia, Territorio

No svizzero all’innalzamento dell’età pensionabile. Ticino in controtendenza

Il grande progetto di riforma del sistema previdenziale obbligatorio svizzero è naufragato domenica scorsa nelle urne della Confederazione. I cittadini hanno detto no a Previdenza 2020, sostenuta dalle principali forze di centro e di sinistra – Partito Popolare Democratico, Partito Borghese Democratico, Verdi Liberali, Partito Socialista e Verdi – ma osteggiato dai liberali e dai conservatori, per i quali il progetto sarebbe stato iniquo e inadeguato. La riforma, fortemente voluta dal ministro socialista Alain Berset, vedeva tra i contrari anche alcuni sindacati e gruppi di sinistra, critici soprattutto verso l’aumento dell’età di pensionamento per le donne e la riduzione delle rendite. Secondo il governo federale, senza correttivi, i primi due pilastri del sistema previdenziale – quelli che coinvolgono anche gli oltre 64mila frontalieri italiani impiegati in Canton Ticino – sarebbero destinati a “sprofondare” presto e ad accumulare ingenti perdite. I calcoli del ministero della Sanità di Berna parlano di una Avs con un potenziale disavanzo di 3 miliardi di franchi nel 2025 e di 7 miliardi nel 2030. Per questo, il popolo era stato chiamato a decidere su riduzione delle rendite e innalzamento dell’età di pensionamento delle donne. Il no popolare è stato però netto: 52,7% contro il 47,3% di sì. In Ticino i dati sono stati di segno opposto: 53,9% di favorevoli e 46,1% di contrari, con una percentuale di votanti ferma al 43%.

26 Settembre 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto