Nubifragio in Altolago: evacuati gli abitanti di Dervio, frane e smottamenti

Torrente Varrone

Pesanti danni nell’Altolago lecchese per il nubifragio che nelle scorse ore ha colpito tutto il territorio lariano. Parte della popolazione di Dervio, nel Lecchese, è stata evacuata, come mossa preventiva, per la piena che aveva coinvolto anche la diga di Pagnona.

In merito alla diga di Pagnona, Enel Green Power – la Società del Gruppo Enel dedicata alle energie rinnovabili – informa che l’impianto non ha riportato alcun malfunzionamento né danno strutturale.

“In seguito alle abbondanti precipitazioni che hanno interessato l’area nelle ultime ore, EGP ha attivato – in accordo con gli enti preposti – le procedure standard applicate in caso di eventi di piena. Già dalle ore 13 la quota di invaso della diga era scesa al di sotto della soglia di allerta. Enel Green Power sta operando in stretta sinergia con tutti gli Enti locali – Regione, Protezione Civile, Prefetture di Lecco e Sondrio e Ufficio Dighe – per garantire la sicurezza del territorio”.

Gravi danni nella zona per smottamenti ed esondazioni dei torrenti. Sul posto anche i vigili del fuoco di Como, Cantù, Canzo ed Erba, in supporto dei colleghi di Lecco sia per l’aiuto agli abitanti, sia per le operazioni di prosciugamento.

Non solo. Per un movimento franoso che ha interessato la carreggiata in corrispondenza del km 148,700, la statale 36 “del Lago di Como e dello Spluga” è temporaneamente chiusa al traffico all’altezza di Madesimo, in provincia di Sondrio.

Sempre per frana – spiega Anas – la Statale è temporaneamente chiusa al traffico anche in corrispondenza del km 131,400, nel territorio comunale di Campodolcino (Sondrio). La circolazione in entrambe le direzioni è provvisoriamente indirizzata sulla viabilità comunale limitrofa.

Infine, a causa dell’esondazione del torrente prossimo alla sede stradale, la statale 36 è temporaneamente chiusa al traffico in corrispondenza del km 111, nel comune di Samolaco (Sondrio), con deviazione del traffico sulla viabilità locale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.