Numeri Covid in ulteriore miglioramento: cento pazienti in meno in quindici giorni

Covid Como

Quasi cento ricoverati Covid in meno in 15 giorni nelle strutture ospedaliere dell’Asst Lariana. Dopo mesi difficilissimi con una pressione importante sui reparti, le terapie intensive e anche sui Pronto Soccorso finalmente si registra una flessione significativa, in realtà già in corso già da alcuni giorni. I numeri nel dettaglio: all’ospedale Sant’Anna sono attualmente ricoverati 104 pazienti (di cui 8 in Rianimazione), a questi si aggiunge una persona nel reparto di emergenza-urgenza. All’ospedale di Cantù al momento ce ne sono 10 più altri due in pronto soccorso, ulteriori 16 sono, invece, a Mariano Comense. Complessivamente sono 133 i pazienti nei tre presidi. Erano 224 il 4 maggio scorso di cui, la stragrande maggioranza, 167, solo a San Fermo della Battaglia. Venerdì scorso a Cantù è stata segnata una tappa importante: è stato trasferito l’ultimo paziente Covid. La terapia Intensiva è stata quindi riconvertita dall’inizio di questa settimana in Rianimazione no Covid. Qualche giorno prima al Sant’Anna era stata chiusa una delle degenze che era stata utilizzata per accogliere i pazienti colpiti dal virus. La pressione è calata lentamente, come ha più volte spiegato il direttore generale Fabio Banfi, la prima situazione ad attenuarsi è stata quella delle terapie intensive. In questo quadro positivo, anche le chiamate al 118 rimangono abbondantemente sotto le 100 al giorno. Stiamo parlando ovviamente degli interventi per problemi respiratori: il 17 maggio, ultimo giorno disponibile nei dati, sono state 73. Oggi i nuovi positivi sono stati 56, con un indice ogni 100 mila abitanti di 102 (era 107 il giorno precedente e aveva toccato il 376 al culmine della terza ondata). Rispetto alla scorsa settimana stiamo registrando un ulteriore calo di positivi del 12%, e la media quotidiana degli ultimi sette giorni è stata di 87. Purtroppo si sono registrati altri due morti, per un totale di 2.254 decessi per Covid-14.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.