Nuova giunta di Cantù. Gli assessori sono 5

Presentato l’esecutivo della Città del mobile
Deleghe: Bizzozero tiene Partecipazione, Autonomia e Sostenibilità
È ufficialmente insediata la nuova giunta del Comune di Cantù. Gli assessori sono 5 e sono tutti esponenti della coalizione che ha sostenuto il neosindaco, Claudio Bizzozero, nella vittoriosa sfida con il leghista Nicola Molteni. Ma ecco nomi e competenze specifiche assegnate dal primo cittadino.
Francesco Pavesi sarà vicesindaco e gestirà le deleghe al Sociale, alla Cultura e all’Istruzione. L’ex leghista Luca Delfinetti ha visto assegnate le deleghe all’Informatizzazione, alle Attività
economiche (che comprendono anche il Commercio), al Personale e all’Ufficio relazioni con il pubblico.
A Paolo Cattaneo sono state assegnate le competenze ai Rapporti con la polizia locale, ai Rapporti con la Protezione civile, alla Manutenzione ordinaria e allo Sport. Urbanistica, Viabilità e Lavori pubblici sono appannaggio di Vincenzo Latorraca. Infine, all’unica donna dell’esecutivo canturino, Roberta Molteni, vanno Bilancio, Finanze locali, Patrimonio e Società partecipate.
Per quanto riguarda il sindaco, Claudio Bizzozero si occuperà direttamente di Partecipazione, Autonomia e Sostenibilità. Ed è stato lui stesso, ieri, a spiegare il motivo della scelta.
«Entro un anno – ha affermato il primo cittadino di Cantù – intendiamo elaborare un piano d’azione complessivo che definirà il quadro per i singoli assessorati. Lo scopo è uno su tutti: una riconversione ecologica e urbanistica del nostro territorio, per limitare finalmente l’impatto devastante degli anni scorsi che determina anche conflitti nelle relazioni sociali».
Bizzozero, in ultimo, si è anche tolto un sassolino dalla scarpa: «Gli assessori sono 5, esattamente come avevamo già annunciato in campagna elettorale. Questo per rispondere a chi sosteneva che saremmo arrivati a nominarne 7 o 8».

Nella foto:
I cinque assessori che compongono la nuova giunta del Comune di Cantù sono stati nominati ufficialmente ieri (Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.