Nuova intossicazione da monossido. All’ospedale un uomo e una donna

AL LAMBRONE DI ERBA
Ancora un problema legato al monossido di carbonio nell’Erbese. Dopo le tre persone intossicate a Eupilio, ieri a finire in ospedale sono stati un uomo e una donna di Asso, rispettivamente di 29 e 34 anni. I due si trovavano all’interno dell’ex palazzina dell’Enel nei pressi del Lambrone. Le esalazioni, secondo quanto ricostruito, sarebbero partite da una stufetta a gas utilizzata per scaldarsi. La segnalazione ai vigili del fuoco è arrivata in piena notte, intorno alle 3. Sul posto
anche gli uomini del 118 che hanno trasportato la coppia in ospedale. La donna è stata immediatamente dimessa, mentre al 29enne è stata diagnosticata un’intossicazione da monossido di carbonio con una prognosi di 15 giorni. Come detto, quello del Lambrone è il secondo caso in poche ore. La notte precedente due donne e un uomo erano stati ricoverati al Valduce e all’ ospedale Fatebenefratelli di Erba per le esalazioni provenienti da una caldaia dell’appartamento di piazza Cavour a Eupilio.

Mauro Peverelli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.