Nuove indiscrezioni: la giunta di Palazzo Cernezzi avrà soltanto 8 assessori

Mario Landriscina

Giunta a 8. E qualche malumore dentro il gruppo di Forza Italia, “costretto” a sacrificare un posto nell’esecutivo per fare spazio a un esterno fortemente voluto dal sindaco. Le ultime novità sulla formazione del governo del capoluogo parlano di un Mario Landriscina molto determinato a imporre alla sua coalizione un cambio di metodo nelle trattative e nella costruzione della giunta.

Per mantenere la parità di genere e per una scelta di austerità – entrambe le opzioni sono date dallo stesso sindaco su un piano paritario – l’esecutivo di Palazzo Cernezzi avrà soltanto 8 assessori. I gruppi maggiori (Forza Italia, Lega e lista civica Insieme) avranno due componenti ciascuno. Fratelli d’Italia potrà contare invece su un unico nome, peraltro noto da tempo (Marco Butti). Alla Lega andrà il vicesindaco (Alessandra Locatelli) mentre Forza Italia avrà la presidenza del consiglio comunale, che sarà appannaggio di Anna Veronelli. Nelle ultime ore qualcuno, dentro il gruppo forzista, aveva provato a rilanciare la Veronelli sia per l’incarico in giunta sia per un eventuale nomina a capo di gabinetto del sindaco. Ma è stato lo stesso Landriscina a ripetere il suo no. Anche a costo di amplificare i mugugni e i mal di pancia della componente azzurra della coalizione. È soprattutto Francesco Pettignano, secondo degli eletti e grande escluso da questa prima tornata di nomine, a rimanere a mani vuote. Non entrerà in giunta e non andrà nemmeno a dirigere l’assemblea. Per lui si parla di un incarico da definire, anche se nessuno in questo momento è in gradi di dire di che cosa si tratti.

Palazzo Cernezzi

Oltre a quelli citati, gli altri nomi sicuri della giunta sono il leghista Adriano Caldara, la forzista Amelia Locatelli e i civici Elena Negretti e Marco Galli, cui andrà la delega allo Sport. Le caselle da riempire sono soltanto due. La prima sarà occupata da Forza Italia, partito al quale il sindaco avrebbe chiesto di indicare un esterno con esperienza amministrativa in almeno uno dei settori chiave del governo cittadino. La seconda è invece destinata a un altro tecnico – sicuramente una donna – scelto direttamente da Landriscina. Secondo quanto è trapelato ancora ieri, il sindaco potrebbe sciogliere la riserva nei prossimi giorni, dopo aver ricevuto la risposta dalle persone interpellate. Nessuna indiscrezione sui nomi, anche se si parla di professionisti nel settore economico-finanziario. Sempre il sindaco, nelle scorse ore, ha chiesto agli uffici di avviare le procedure per le nomine del nuovo addetto stampa e del nuovo capo di gabinetto. Durante la sua prima riunione, la giunta approverà i necessari bandi che saranno pubblicati immediatamente. Gli incarichi saranno quindi affidati al più tardi tra la metà e la fine del mese di agosto.

Articoli correlati