Nuovi soldi per spalare. Ma è scontro Gaddi-Molinari

Il fronte politico – Sulle ulteriori risorse a disposizione si accende la polemica tra i due esponenti della giunta comunale
L’assessore al Bilancio: «Pronti altri 300mila euro». Il collega: «Doveva svegliarsi prima»
Un nuovo stanziamento per sgomberare dalla neve e dal ghiaccio le strade di Como diventa l’incredibile occasione per un velenoso scontro tra gli assessori al Bilancio, Sergio Gaddi, e alla Viabilità, Stefano Molinari.
All’origine dello scontro, una notizia che – almeno per i cittadini del capoluogo – è di sicuro positiva. Ieri mattina, infatti, Gaddi ha diffuso un documento ufficiale firmato dal dirigente del settore finanziario di Palazzo Cernezzi, Raffaele Buononato, nel quale si comunica
che «per far fronte alle esigenze dovute alle nevicate di questi giorni, la proposta prevista quale stanziamento nel bilancio 2012, ammontante a euro 200mila, sarà incrementata di euro 300mila, per un totale complessivo di euro 500mila». A questo importo, poi, si devono aggiungere 100mila euro già previsti per il 2011. Totale, quindi: 600mila euro.
Segue un invito all’assessorato guidato da Molinari a predisporre tutti gli atti «per il relativo impegno di spesa giustificato dalla situazione di emergenze» oltre che (e qui la coda appare intrisa di veleno) «dall’obiettivo di evitare ulteriori danni all’amministrazione comunale». Il vero passaggio acuminato, però, è in fondo al documento.
Dove – come a mostrare una sorta di “sfiducia” nei confronti di Molinari e del suo utilizzo delle risorse destinate alla gestione dell’emergenza – si legge che «sono attesi, nelle prossime settimane, i consuntivi dei costi sostenuti, al fine di un attento monitoraggio della spesa per le emergenze dovute alle nevicate».
La risposta di Molinari alla diffusione della lettera è stata tutt’altro che tenera. «Se Gaddi si fosse svegliato prima avremmo certamente lavorato in maniera più tranquilla – ha affermato l’assessore alla Viabilità – Peraltro, il mio collega vuol far apparire un regalo che non esiste. Ben 250mila euro erano già previsti per il 2012, ai quali si aggiungono i 130 approvati nell’ultimo assestamento di bilancio. Piuttosto, sarebbe stato opportuno cercare una maggiore collaborazione per tempo, ne avremmo certamente guadagnato tutti». Sulla richiesta di Gaddi di avere in breve il dettaglio minuzioso di tutte le spese per spalare neve e ghiaccio, Molinari ribatte che «abbiamo i dettagli giornalieri delle uscite e dei chilometri percorsi dai mezzi, non c’è alcun problema. Riguardo ai prossimi utilizzi – conclude l’assessore alla Viabilità – continueremo a gettare il sale sulle strade contro il ghiaccio e a spalare la neve. Il finale è urticante: «Comunque Gaddi sa bene che non tutte le spese sono programmabili. Proprio come quelle sugli incassi dai biglietti per le mostre».

Emanuele Caso

Nella foto:
La città imbiancata
Una suggestiva immagine notturna di piazza San Fedele completamente coperta dalla neve. Ma la neve, al di là del suo fascino, in questi giorni ha portato soprattutto disagi ai cittadini e polemiche tra gli amministratori

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.