Cronaca

Oculistica, liste d’attesa infinite al Valduce

altIl direttore sanitario: «Richiesta altissima, più di così non possiamo fare»
Agende di oculistica pressoché esaurite al Valduce fino alla fine del 2015. Una paziente alle prese con la prenotazione di un esame specialistico della vista, pur muovendosi con largo anticipo rispetto alla data indicatagli dal medico, non ha potuto fissare un appuntamento prima di ottobre del prossimo anno. «Abbiamo anche acquistato un nuovo macchinario, la richiesta è altissima e più di così non possiamo fare», dice il direttore sanitario di via Dante, Claudio Zanon.
La polemica sui

tempi di attesa dell’oculistica si riaccende periodicamente. Questa volta, la segnalazione è partita da una donna comasca, paziente del Valduce da tempo. «Periodicamente devo effettuare alcuni esami specialistici alla vista, in particolare il campo visivo e l’Oct semplice, senza liquido di contrasto – dice la donna – Ormai so che i tempi di attesa sono lunghi, anche un anno. Sapendo di dover effettuare i test a settembre del prossimo anno, già a fine agosto ho telefonato».
Solo per uno dei due esami, però, è stato possibile completare la prenotazione. «Come pensavo l’attesa per il campo visivo era di circa un anno e ho fissato l’appuntamento per settembre 2015 – dice la comasca – Per l’Oct invece mi hanno detto che avevano le agende solo fino a giugno. Ho continuato a chiamare una volta a settimana, ottenendo sempre la stessa risposta. All’ultima chiamata, questa settimana, mi è stato detto che ormai con le prenotazioni eravamo a fine ottobre. Ho chiamato con un anno di anticipo, cosa devo fare di più?».
Comprendendo il disagio, il direttore sanitario del Valduce ammette che, nel campo oculistico, gli sforzi dell’ospedale sono già massimi. «Nel 2013 abbiamo fatto 3.633 Oct – dice – Ora siamo già a 160 in più. Abbiamo acquistato un nuovo macchinario, appositamente per fare questo esame e aprire un’agenda aggiuntiva. Non possiamo fare più di così. Abbiamo già gli appuntamenti fino alla fine del 2015».
«La domanda per l’oculistica è elevatissima – aggiunge Zanon – Facciamo oltre 4.400 cataratte l’anno e, per fare Oct in più, abbiamo aperto anche il sabato mattina e ci avvaliamo di consulenti esterni per smaltire le liste d’attesa. Ho chiesto uno sforzo per mettere almeno 100 cataratte in più entro fine anno e dovremmo riuscirci, è davvero il massimo». L’Oct è un esame altamente specialistico effettuato in poche strutture ospedaliere. Al Sant’Anna, secondo quanto dichiarato dall’azienda ospedaliera, l’attesa è di un mese e mezzo.

Anna Campaniello

Nella foto:
Da sinistra, uno scorcio dell’esterno dell’ospedale Valduce e un momento di una visita oculistica
18 ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto