Oltre tre chili di coca nel vano dell’airbag: coppia di albanesi patteggia 4 anni di pena
Cronaca

Oltre tre chili di coca nel vano dell’airbag: coppia di albanesi patteggia 4 anni di pena

Operazione della Guardia di Finanza Operazione della Guardia di Finanza

Hanno patteggiato la pena due albanesi che erano stati fermati con tre chili e mezzo di cocaina in Val Mulini a Ronago. Droga che era stata nascosta nel vano per l’airbag e che era stata scoperta dalla guardia di finanza di Olgiate Comasco.

I due stranieri, entrambi 28enni ed entrambi senza fissa dimora, hanno raggiunto l’accordo sulla pena rispettivamente a 4 anni e 8 mesi e 4 anni e 6 mesi. La cocaina come detto era al posto dell’airbag del passeggero. Un nascondiglio ingegnoso che tuttavia non è servito a “salvare” due albanesi in viaggio dalla Svizzera all’Italia su un’auto con targa tedesca.

La vettura era stata fermata a Ronago, al confine con la Svizzera. Ai militari non erano sfuggite l’agitazione dei due uomini che viaggiavano a bordo e neppure un’anomalia delle bocchette di ventilazione del parabrezza dell’auto, dalle quali si intravedeva il materiale lanoso che abitualmente riveste gli interni.

Così, nel vano destinato all’airbag, le fiamme gialle hanno scoperto un ingegnoso doppiofondo che si apriva tramite una combinazione elettronica.

4 gennaio 2018

Info Autore

Mauro

Mauro Peverelli mpeverelli@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto