Ombrellate in corsia

LA 30ENNE MAROCCHINA
Perizia psichiatrica per una 30enne marocchina, responsabile di calci, schiaffi e ombrellate ai danni di una paziente e di un’infermiera del pronto soccorso del Sant’Anna, ma anche di un medico della Medicina e pure delle guardie intervenute per bloccarla. L’ha deciso il giudice monocratico di Como nel processo che vede la straniera come imputata. È stata dunque accolta la tesi dell’avvocato difensore, Simone Gatto, che ha sottolineato in aula come la 30enne «sia da curare e non da punire». Il fatto risale a metà novembre.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.