Omicidio Deiana: «Ergastolo per Placido»

Il ritrovamento del corpo di Antonio Deiana

«Sanfilippo ha detto il falso. Certa gente è stata denunciata di falsa testimonianza per molto meno».
Nello Placido, monzese 45enne, ha risposto ieri – rilasciando spontanee dichiarazioni – alle accuse che gli erano state mosse nell’ultima udienza di fronte alla corte d’Assise d’Appello di Milano, nel processo per l’omicidio del 36enne di Villa Guardia Antonio Deiana, scomparso il 20 luglio 2012 e ritrovato sei anni dopo, seppellito in un seminterrato di una casa a Cinisello Balsamo.
Una difesa che ha anticipato la requisitoria della pubblica accusa che ha chiesto per lui la condanna all’ergastolo con l’isolamento diurno (rispetto ai 22 anni in primo grado) insistendo molto sulla premeditazione, ancor più suffragata dalle dichiarazioni proprio di Luca Sanfilippo. Quest’ultimo, già condannato a 18 anni per lo stesso delitto, nella udienza precedente aveva raccontato per la prima volta di come anche «Nello Placido fosse presente» con lui «il giorno in cui venne ucciso Antonio Deiana».
«Gli accordi tra noi erano che avremmo dovuto rapinarlo della cocaina, quattro chili – disse – Sapevamo che avrebbe reagito, e avevamo messo in conto che avrebbe potuto finire male». Un colpo a sorpresa, anche perché Sanfilippo mai in questi anni aveva parlato esplicitamente del complice. Fermato dalla polizia, aveva confessato l’omicidio dicendo di aver ucciso il comasco da solo. Gli agenti avevano invece proseguito l’indagine fino ad arrivare al fermo anche di Nello Placido.
L’udienza di ieri è poi proseguita con la parte civile – la sorella di Deiana – che in aula era rappresentata dall’avvocato Maruska Gervasoni, che si è associata alle richieste dell’accusa per quanto riguarda la pena, chiedendo anche una provvisionale da 250mila euro.
La parola è infine passata alla difesa con una lunga arringa per cercare di smontare quanto contestato. Si parte dalla pena rimediata in primo grado che era stata di 22 anni, comprensiva dell’anno in più per l’occultamento del cadavere. Il corpo della vittima fu infatti seppellito in una buca scavata nello scantinato utilizzato da Sanfilippo, nel caseggiato di Cinisello Balsamo, e ricoperto con cemento.
Le ricerche di Antonio Deiana proseguirono per anni, fino a quando la squadra Mobile riuscì a ricostruire l’accaduto e (con la collaborazione di Sanfilippo) ad arrivare nello scantinato di Cinisello Balsamo dove era stato seppellito Deiana.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.