Omicidio di Stabio, nè sedativi nè stupefacenti nel sangue della maestra strangolata
Cronaca

Omicidio di Stabio, nè sedativi nè stupefacenti nel sangue della maestra strangolata

Era cosciente Nadia Arcudi quando venne strangolata. Secondo i risultati degli esami tossicologici, alla maestra 35enne di Stabio, il cui corpo senza vita venne trovato in un bosco di Rodero, non sarebbero stati somministrati calmanti nè psicofarmaci. Nel suo sangue non sono state riscontrate neppure tracce di sostanze stupefacenti. Sarebbe questo, secondo le anticipazioni pubblicate ieri dal “Corriere del Ticino”, l’esito delle analisi condotte dall’anatomo-patologo Giovanni Scola su incarico della Procura di Como, che indaga sul delitto assieme a quella elvetica.

L’autopsia ha confermato che il decesso della giovane è avvenuto per strangolamento. Per l’omicidio della donna, insegnante di scuola elementare, è stato arrestato il cognato, il 42enne Michele Egli. Il marito della sorella avrebbe raccontato agli inquirenti di aver agito d’impulso, senza premeditazione, e da solo, senza l’aiuto di altre persone. L’uomo, accusato del delitto e di occultamento del cadavere, è stato fermato il 18 ottobre scorso, al rientro in Svizzera dall’Italia.

Nei prossimi giorni le autorità elvetiche effettueranno una ricostruzione di quanto accaduto nella villetta di Stabio dove, nella sera del 14 ottobre, la 35enne è stata uccisa. Due giorni dopo il corpo della giovane venne ritrovato nei boschi di Rodero da una donna che stava facendo un giro a cavallo. Obiettivo degli inquirenti ticinesi è far luce su una serie di dettagli che ancora non quadrano sulla base di quanto raccontato dall’indagato. Il 42enne ha confessato il delitto nelle scorse settimane, mentre nell’immediatezza dell’arresto aveva riferito di aver trovato il corpo dell’insegnante a terra, nella villetta di Stabio, già privo di vita, e di averlo poi portato nel Comasco solo per nasconderlo e non spaventare i familiari. Tesi a cui gli inquirenti svizzeri non hanno mai creduto.

8 gennaio 2017

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto