Operaio morto a Cernobbio, i sindacati: «Abbiamo perso tutti, più sicurezza»
Cronaca

Operaio morto a Cernobbio, i sindacati: «Abbiamo perso tutti, più sicurezza»

“Tutti abbiamo perso, indipendentemente dalle responsabilità dell’accaduto. Abbiamo perso come sindacato, ma soprattutto come società civile”. Sono le parole dei rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl e Uil del settore edile di Como dopo il tragico incidente sul lavoro avvenuto nell primo pomeriggio di ieri a Cernobbio.

Ezio Pallais, operaio edile di 58 anni di Aosta è precipitato durante la posa di una rete metallica paramassi su una parete rocciosa. I segretari generali esprimono la loro solidarietà ai familiari della vittima. <Questa grave perdita – dicono ancora – unisce le tre sigle sindacali che rinnovano l’impegno sempre vivo e fondamentale di vegliare quotidianamente sulle condizioni di lavoro di tutti gli operatori del settore per raggiungere il più alto livello di sicurezza possibile sui cantieri>. “Ogni persona che lavora onestamente per il suo futuro e per quello della propria famiglia – concludono i rappresentanti sindacali – ha il diritto di poter asciugare la fronte nella certezza che a fine giornata abbraccerà nuovamente i propri cari”.

Ezio Pallais è precipitato da un’altezza di circa 30 metri mentre era sulla parete di roccia a Cernobbio e non ha avuto scampo. La Procura di Como ha aperto un’inchiesta per fare chiarezza sulla dinamica del tragico incidente.

26 gennaio 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto