Operazione contro la ’ndrangheta, arrestato un dipendente pubblico

Direzione investigativa antimafia

Un dipendente di un Comune del Luganese, in Canton Ticino, sarebbe coinvolto nella maxi-operazione contro la criminalità organizzata condotta tra Italia e Svizzera dalla guardia di finanza e della polizia elvetica.
Finanzieri e gendarmi hanno tratto in arresto complessivamente 75 persone, accusate di essere legate a cosche della ’ndrangheta.
In tutto, gli indagati sono 158, ai quali sono contestati, a vario titolo, i reati di associazione mafiosa, associazione dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, riciclaggio, fittizia intestazione di beni, corruzione e altri reati, tutti aggravati dalle modalità mafiose. L’operazione, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, ha portato a perquisizioni anche in Ticino e al sequestro di beni tra Italia e Svizzera per un valore totale di 169 milioni di euro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.