Opere pubbliche per rilanciare l’economia locale. La Bcc di Alzate: «Comuni e privati collaborino»

conferenza stampa BCC

Una sigla facile da ricordare – Ppp – e un obiettivo tanto concreto quanto preciso: fare in modo che pubblica amministrazione e privati collaborino di più e meglio, sia quando si tratta di realizzare opere sia quando è in programma l’istituzione di un nuovo servizio per i cittadini.
Grazie a una delle numerosissime modifiche intervenute negli ultimi anni, il Codice degli appalti prevede (articolo 180) il Partenariato Pubblico-Privato. Un meccanismo di collaborazione esistente, in verità, da molto tempo ma adesso snellito quanto basta per poter essere utilizzato in maniera non troppo selettiva.
In parole semplici, il Ppp è una corsia preferenziale che garantisce al pubblico soluzioni rapide, meno sprechi e soprattutto meno rischi. E permette di converso al privato di allentare qualche laccio burocratico.
In tempi di risorse scarse, il Ppp è potenzialmente in grado di mantenere elevato il livello di investimenti. Dando ossigeno anche alle economie locali. Ed è in questa direzione che si muove l’idea della Bcc Brianza e Laghi di Alzate Brianza di organizzare un convegno sulle nuove forme di partnership tra pubblico e privato.
Il prossimo 20 settembre, a Lariofiere, sindaci, dirigenti comunali, imprese ed esperti del settore affronteranno in una giornata di vera e propria formazione il tema della collaborazione attiva appunto tra pubblico e privato.
Ieri mattina, in una conferenza stampa, il presidente della Bcc di Alzate, Giovanni Pontiggia, ha presentato la giornata di studi erbese. «Il nostro obiettivo – dice Pontiggia – è agire in modo concreto come banca di comunità e di territorio. Svolgiamo un ruolo attivo perché crediamo nella necessità di dare impulso al sistema economico locale. Per fare ciò è necessario un nuovo paradigma nel rapporto tra istituzioni, politica ed economia».
La Bcc, proprio in quanto banca del territorio, «non si limita più a promuovere iniziative tradizionali, finalizzate a presentare prodotti finanziari. Pensiamo sia necessario invece immaginare un piano di rilancio degli investimenti utilizzando ad esempio tutti gli strumenti messi a disposizione dalla legislazione vigente».
A partire dal partenariato previsto dal Codice degli appalti. Che, spiega Pontiggia, «non riguarda soltanto le grandi infrastrutture, ma anche quel substrato di opere pubbliche di piccoli e medi comuni funzionali allo sviluppo sociale e al rafforzamento delle le imprese del territorio».
Il convegno del 20 settembre, organizzato in collaborazione con l’Associazione Nazionale dei Comuni (Anci) e le sezioni di Como, Lecco e Monza dell’Associazione Nazionale delle imprese edili (Ance) è stato pensato come una sorta di seminario.
«Negli ultimi anni c’è stato un ricambio generazionale tra gli amministratori locali – dice ancora Pontiggia – opportunità quali il Ppp sono tuttora poco conosciute sia dalla burocrazia comunale sia dai sindaci».
Ovviamente, il presidente della Bcc è cosciente dell’obiezione che molti potrebbero avanzare: una banca è pur sempre interessata ad ampliare il suo raggio d’influenza, motivo per cui anche i nuovi strumenti di legge sono alla fine un potenziale guadagno. «Il fatto è – risponde Pontiggia – che noi non ci proponiamo come semplici finanziatori. Immaginiamo un nuovo modo di agire nel sistema degli appalti, con rischi d’impresa non più a carico degli enti locali. Basti pensare al caso del nuovo impianto sportivo polifunzionale di Merate, che sarà peraltro oggetto di una delle relazioni al convegno».
Un esempio forse non casuale, dato che a Como da anni si parla di costruire il palazzetto e nulla è ancora alle viste. Tra gli invitati a Erba c’è anche il sindaco del capoluogo, Mario Landriscina. E con lui il presidente della Provincia, Fiorenzo Bongiasca. Chissà che da cosa possa nascere cosa.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.