Oppositore picchiato e ucciso a Minsk, migliaia in strada

Catene umane in varie zone della capitale bielorussa

(ANSA) – MOSCA, 13 NOV – Migliaia di persone a Minsk sono scese in strada per ricordare il giovane oppositore Roman Bondarenko, morto in ospedale dopo essere stato picchiato da sconosciuti a volto coperto. Mercoledì sera, il 31enne è intervenuto in una diatriba tra un gruppo di abitanti locali e alcune persone a volto coperto che stavano togliendo da un cortile dei nastri bianchi e rossi simbolo dell’opposizione. Secondo il giornale online Meduza, si tratterebbe di "tikhar", persone in abiti civili che appoggiano la polizia del regime bielorusso. Roman Bondarenko, stando ai testimoni sentiti dalla testata web Tut.by, è stato spintonato da uno di questi uomini a volto coperto e poi atterrato e ha battuto violentemente la testa. L’attacco è avvenuto attorno alle 22 e due agenti di polizia, le cui auto erano parcheggiate nei dintorni, hanno arrestato la vittima dell’aggressione e l’hanno portata via. Dopo la mezzanotte, Roman Bondarenko è stato ricoverato in ospedale con un trauma cranico e un ematoma cerebrale, lividi e abrasioni. Ieri mattina i medici hanno spiegato ai familiari che le speranze di salvarlo erano minime e in serata il giovane è morto. Migliaia di persone hanno deposto fiori e ceri in piazza della Libertà. Stamattina si sono formate catene umane in memoria dell’oppositore in varie zone della capitale bielorussa. (ANSA)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.