Lettere

Ora è il momento di operare per il bene comune

L’ “appello” di una elettrice

Sono un’elettrice (direttrice didattica in pensione).
Non sono un’eletta, soprattutto perché ho sempre pensato (e penso) di non esserne all’altezza. Quindi non sono nemmeno all’altezza di dirvi di preciso che cosa dovrete e non dovrete fare.
Però so che inciderà sulla mia vita ciò che farete voi: ciò che faranno quelli di voi per cui ho votato e ciò che faranno quelli di voi per cui non ho votato. E ciò che farete voi inciderà sulla vita dei miei nipotini, nessuno dei quali vi ha votato.
Il vostro operato inciderà sulla vita di tutti i bambini d’Italia: soprattutto su quello dei figli dei disoccupati. Inciderà sulla vita di quei malati troppo malati per votare. Inciderà persino sulla vita degli immigrati che si trovano in Italia e non sono stati chiamati a votarvi.
Per questo la Costituzione dice che ognuno di voi rappresenta la Nazione (art. 67): perché ciascuno di voi è responsabile della vita di ogni persona che vive in Italia. I ricchi e i ladri provvedono ai propri bisogni comprando o rubando. Le persone “normali” e soprattutto le persone deboli  possono contare solo sul proprio lavoro, sulla famiglia, su qualche  vicino di casa o collega gentile, su qualche amico sincero e – soprattutto – sulla legge, sullo Stato; insomma: su ciò che voi farete.
Per questo mi auguro che almeno la maggioranza di voi voglia farsi carico del bene comune. E per questo vi auguro di cuore: buon lavoro!

Caterina De Camilli

16 marzo 2013

Info Autore

Admin@corcomo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto