Orban, i migranti fenomeno organizzato, un ‘male’ da fermare

'Enormi masse di musulmani minacciano l'Europa'

(ANSA) – BELGRADO, 19 GIU – Il premier conservatore ungherese Viktor Orban ha ribadito la sua aperta ostilità nei confronti del fenomeno migratorio, da lui definito un "male" che avviene a suo avviso non spontaneamente ma in maniera organizzata. "Quando ai confini ungheresi arrivano decine di migliaia di persone, in massima parte giovani uomini che sono in perfette condizioni fisiche e che incolonnati marciano verso la frontiera, e se cerchiamo di fermarli ci vengono contro, allora non parliamo di immigrazione ma di violazione della sovranità nazionale. Tutto ciò va fermato", ha detto Orban al settimanale cattolico croato ‘Voce del Concilio’. Nell’intervista, ripresa dai media serbi, il premier ungherese si dice convinto che tutto ciò sia organizzato con motivazioni politiche, per far arrivare "enormi masse di musulmani nel continente europeo". "Ritengo che tutti quelli che non si difenderanno, tra 20 anni non riconosceranno più il loro Paese". Orban sostiene poi che l’Ungheria paga un alto prezzo poiché va contro le correnti politiche europee dominanti, difende il modello di famiglia cristiana e per il fatto che "la follia Lgbt non ha spazio in Ungheria". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.