Orgoglio lariano nel mondo: una polisportiva da sogno

Massimiliano Piffaretti, primo a destra, sul podio in Australia Massimiliano Piffaretti, primo a destra, sul podio in Australia

Sport lariano da urlo con una serie di risultati che hanno proiettato gli atleti di casa nostra ai vertici in una serie di eventi di carattere internazionale.
Riscontri positivi che confermano il buon momento per il movimento sportivo della nostra provincia e che premiano il lavoro svolto dalle singole società per la crescita dei loro giovani.
L’exploit più lontano è stato in Australia, nel wakeboard, moderna disciplina dello sci nautico che ha sul Lario un suo punto di riferimento.
A Mandurah, in Australia Occidentale, è arrivato il terzo posto nella Coppa del Mondo di Massimiliano Piffaretti, comasco di Sala Comacina, trapiantato negli Stati Uniti, dove si allena e partecipa come professionista nelle gare più prestigiose. Il lariano – nato il 2 aprile 1995 – è giunto terzo dopo gli australiani Cory Theunissen e Harley Clifford. Con il suo risultato ha confermato di essere l’atleta europeo più forte nel wakeboard, l’unico in grado di contrastare la supremazia di australiani e statunitensi.
Nel rugby, grande exploit di Maria Magatti. La giovane rugbysta comasca (è del 1992) dopo aver contribuito al successo contro la Scozia, sabato scorso ha trascinato l’Italia in un’altra grande impresa nel Mitico Torneo 6 Nazioni femminile.
Un risultato che entra di diritto nella storia della palla ovale azzurra. Mentre all’Olimpico l’Italia maschile perdeva contro la Francia, sul campo di Badia Polesine, le azzurre, trascinate proprio dalla 22enne comasca, sono riuscite a battere in volata la capolista Francia per 17-12. A decidere ottanta minuti emozionanti e intensi è stata proprio una meta dell’ala lariana Maria Magatti a segno all’ultimo secondo dopo che già in due occasioni, nel primo tempo, le azzurre si erano portate in vantaggio facendosi poi rimontare.
Nel basket paralimpico non va dimenticata l’impresa della Briantea-UnipolSai, la formazione canturina che ha raggiunto l’obiettivo che si era posta per questa stagione, il raggiungimento della Final Eight di Champions Cup – la Coppa dei Campioni di questa disciplina – I brianzoli hanno conquistato il girone di qualificazione in Francia e ora sono attesi, ai primi di maggio, dall’atto decisivo a Giulianova.
In questo contesto, va sottolineata anche l’affermazione, nel canottaggio, dell’equipaggio “otto” Junior della Lombardia in Olanda.
Ad Amsterdam è arrivata la medaglia d’oro durante la Heineken Roeivierkamp, svoltasi sul fiume Amstel. L’ammiraglia degli Under 18 ha chiuso prima tra gli Junior nella classifica finale davanti a due formazioni casalinghe: Spaarne, seconda, e Willem III, terza.
Sull’equipaggio lombardo hanno remato, tra gli altri, Mattia Luoni e Ambrogio Cantù (Canottieri Menaggio), Miles Agyemang Heard e Mattia Magnaghi (Moltrasio). La barca italiana ha vinto due prove sulle quattro disputate.
Nello sci non vanno dimenticati gli exploit del canzese Michelangelo Tentori, classe 1991, che alle recenti Universiadi in Spagna ha portato a casa due medaglie d’oro (slalom gigante e speciale) e un bronzo (supercombinata). In Italia, ai Tricolori universitari, ha portato a casa altrettanti successi, sempre nei due slalom.
Nomi che si stanno proponendo all’attenzione di appassionati e addetti ai lavori, e che si aggiungono a due regine nelle rispettive specialità che in questa stagione hanno già ottenuto risultati di rilievo. Nella scherma, la numero uno del ranking mondiale di fioretto è l’esponente della Comense Arianna Errigo.
Nel pattinaggio, dopo l’argento agli Europei nella danza, ora Anna Cappellini è attesa dalle prove iridate a Shanghai, in Cina. Appuntamento fissato per la fine di questo mese.
Massimo Moscardi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.